Benelli Settembre 2018
Lombardia preapertura della stagione venatoria 2018/2019

In Lombardia preapertura della stagione venatoria 2018/2019 solo a Brescia

Anche quest’anno, come accade ormai da alcune stagioni, in Lombardia soltanto i cacciatori della provincia di Brescia potranno usufruire delle giornate di preapertura della stagione venatoria 2018/2019. Infatti, con il decreto dello scorso 8 agosto l’Ufficio Territoriale di Brescia ha autorizzato sul proprio territorio la preapertura della caccia a Cornacchia grigia, Cornacchia nera e Tortora a partire dal 2 settembre.

I tempi e le modalità per la caccia in preapertura

Sul territorio bresciano si potranno cacciare le specie Cornacchia grigia e Cornacchia nera nei giorni nei giorni 2, 6, 9 e 13 settembre, mentre la Tortora potrà essere cacciata esclusivamente nei giorni 2 e 6 settembre. Come di consuetudine, in preapertura si potrà esercitare l’attività venatoria fino alle ore 13 ed esclusivamente nella modalità d’appostamento fisso o temporaneo.

Per quanto riguarda la Tortora i limiti di carniere sono fissati a 5 capi giornalieri e 20 stagionali, mentre per i corvidi i limiti di carniere restano quelle definiti dal calendario venatorio regionale. Infine, il decreto dell’UTR bresciano precisa che la chiusura per Cornacchia grigia e Cornacchia nera è stata anticipata al 18 gennaio e per la Tortora al 17 novembre.

Perché solo a Brescia?

In Lombardia i corvidi sono tra le specie maggiormente responsabili dei danni alle colture agricole, secondi solo ai cinghiali: basti pensare che la Regione nel periodo 2004-2012 ha pagato oltre 2 milioni euro di indennizzi per danni causati dai corvidi. Per questo sorprende che la caccia in preapertura, soprattutto a Cornacchia Grigia e Nera, sia stata consentita solo nell’Unità Territoriale di Brescia.

Però, stando a quanto si legge nella delibera con cui la Regione ha approvato le disposizioni integrative al calendario venatorio 2018/2019, solo l’Ufficio Territoriale Regionale di Brescia ha manifestato la volontà di avvalersi della facoltà prevista dall’articolo 1, comma 4, della legge regionale 17/2004 che consente di anticipare, previo parere di ISPRA, l’apertura della caccia alle specie cornacchia grigia, cornacchia nera, tortora e merlo, nella forma da appostamento fisso e temporaneo, anticipando in misura corrispondente il termine di chiusura.

Resta da capire perché gli altri UTR lombardi non abbiano voluto avvalersi di tale facoltà. Qui il testo integrale del decreto con cui l’UTR di Brescia ha autorizzato la preapertura.

Scritto da IoCaccio.it

IoCaccio.it
Un team giovane e dinamico, legato da una profonda passione per la caccia, per l'outdoor e per la natura. Noi lo facciamo per passione!

Ti Potrebbe Interessare Anche

Repubblica di San Marino, ecco il testo del calendario venatorio 2018/2019

Forse non tutti i cacciatori italiani lo sanno ma la piccola Repubblica di San Marino, …