Attualità VenatoriaDalle RegioniVeneto

Veneto, il TAR rimanda l’apertura della caccia alla quaglia

Non aprirà il 17 settembre ma il 1° ottobre, accolta la richiesta di misure cautelari avanzata dalle solite associazioni animaliste

In Veneto uno dei vari ricorsi presentati contro il calendario venatorio 2023/2024 ha portato al posticipo dell’apertura della caccia alla Quaglia. Lo ha deciso il giudice del TAR di Venezia con il decreto pubblicato ieri.

Pubblicità
 

I motivi della decisione

L’iter che ha portato alla sospensiva è lo stesso che abbiamo già visto applicato molte altre volte: la regione autorizzando l’apertura per la caccia alla Quaglia il 17 di settembre, invece che il 1° ottobre come suggerito da ISPRA, si è discosta dal parere dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale; le associazioni animaliste ricorrenti sostengono che il discostamento non sia motivato e quindi chiedono al TAR l’immediata sospensione cautelare per non provocare danni alla fauna; se il ricorso non può essere discusso in sede collegiale prima dell’inizio della stagione venatoria, il giudice fa un’analisi sommaria degli atti e se ritiene che i motivi del ricorso non siano del tutto infondati sospende in via cautelare gli atti impugnati (senza alcun tipo di contraddittorio) perché “nel bilanciamento dei diversi interessi appare prevalente l’interesse pubblico generale alla conservazione ed al mantenimento della fauna selvatica”, anche in ragione dei generali principi di tutela ambientale e di precauzione”. Così è stato per la Quaglia in Veneto che non potrà essere cacciata fino al 1° di ottobre. La trattazione collegiale è stata fissata al 5 ottobre.

Altri punti in discussione

Sugli altri due punti del ricorso, la chiusura della caccia al 31 gennaio per codone e beccaccino e le due giornate aggiuntive di caccia alla migratoria nei mesi di ottobre e novembre, il TAR non si è ancora espresso ma lo farà durante la camera di consiglio del 5 ottobre. Oltre a questo, c’è almeno un altro ricorso presentato dalla LAC sui cui il TAR dovrà esprimersi nei prossimi giorni.

Pubblicità
Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio