Direttiva Armi

La Direttiva 91/477/CEE relativa al controllo dell’acquisizione e della detenzione di armi, meglio nota come Direttiva Armi, stabilisce una serie di condizioni minime per l’acquisto, la detenzione e la circolazione di armi da fuoco per uso civile all’interno dell’Unione europea.

Sulla base del grado di pericolo rappresentato dalle armi da fuoco, la direttiva individua quattro categorie, definite nell’allegato I della direttiva come Categoria A – Armi da fuoco proibite, Categoria B – Armi da fuoco soggette ad autorizzazione, Categoria C – Armi da fuoco soggette a dichiarazione e Categoria D – Altri armi, e ne stabilisce le modalità di acquisizione e detenzione.

In particolare, l’acquisizione e la detenzione di un’arma da fuoco sono consentite nel caso in cui una persona: abbia un motivo valido per l’acquisizione o la detenzione (ad es. è un collezionista o fa parte di un club di tiro sportivo); abbia raggiunto l’età di 18 anni, salvo deroga per la pratica della caccia e del tiro sportivo (ad es. in alcuni casi, i minori di 18 anni possono utilizzare armi per caccia e tiro sportivo se sottoposti alla guida di un genitore/adulto in possesso di porto d’armi o presso un centro di addestramento approvato); non costituisca un pericolo per sé stessa o per il pubblico. Coloro che soddisfano i requisiti per l’acquisizione e la detenzione di armi da fuoco possono ottenere una licenza pluriennale. In questi casi, è necessario osservare determinate formalità: ogni eventuale trasferimento delle armi da fuoco deve essere comunicato alle autorità competenti; devono essere svolti regolari controlli volti a verificare che la persona continui a soddisfare i requisiti; i limiti massimi di tempo specificati dalla legge nazionale devono essere rispettati.

Inoltre, per controllare la circolazione delle armi da fuoco all’interno dell’UE, la direttiva stabilisce procedure per il trasferimento definitivo delle armi da un paese dell’UE all’altro e per i trasferimenti temporanei delle armi (viaggi) attraverso due o più paesi dell’UE.

Consulta il Testo Integrale della Direttiva Armi