AccessoriAttrezzaturaCome cacciare le CornacchieGuide

Caccia alle Cornacchie, come posizionare la vedetta

Una vedetta ben posizionata aumenta la visibilità del gioco e dà sicurezza alle cornacchie in avvicinamento. Qui vi presento un valido sistema per posizionarla velocemente e accuratamente.

Su queste pagine, assieme a Claudio, abbiamo già trattato diversi aspetti legati alla caccia da appostamento alle cornacchie, come la scelta della zona di caccia, la preparazione del capanno, il posizionamento e la scelta dei migliori stampi. Ma c’è ancora un argomento che a mio avviso merita di essere approfondito, l’utilizzo della vedetta. Qui cercherò di spiegarvi perché per me è essenziale utilizzarla e vi suggerirò un valido sistema per posizionarla velocemente e accuratamente.

Pubblicità
 

Cosa si intende per vedetta

Quando parlo di vedetta, intendo uno stampo posizionato in un punto alto e ben visibile, solitamente un albero spoglio in prossimità del nostro gioco di stampi e del capanno.

Vedetta posizionata a una decina di metri di altezza, sulla cima di una robinia.

Se siete degli attenti osservatori ci avrete fatto sicuramente caso: quando un branco di cornacchie è in pastura, quasi sempre c’è qualche individuo che non pensa a sfamarsi ma rimane appollaiato su una pianta ai margini del campo a osservare dall’alto la situazione, come farebbe, appunto, una vedetta. E anche fuori dai contesti di pastura capita spesso di vedere cornacchie posate su alberi ad alto fusto, che con i loro vocalizzi sembrano guidare dall’alto gli spostamenti delle compagne.

Da un punto di vista etologico è difficile dire se questa sia la reale funzione di tale comportamento, ma quello che per me è certo, dopo anni di caccia e osservazione ai corvidi, è che le grigie si fidano ciecamente delle loro vedette. Tant’è che l’albero scelto dalle vedette rappresenta per le cornacchie il punto d’appoggio sicuro da raggiungere in caso d’allarme ed è spesso anche il punto cardine per la scelta del lato d’ingresso nei campi di pastura.

Perché la vedetta è essenziale

Per questi motivi inserirne almeno una nel nostro gioco di stampi può essere fondamentale per la buona riuscita della giornata di caccia. La vedetta dà sicurezza alle cornacchie in avvicinamento, è come se fosse un segnale che sta a indicare “Venite, qui va tutto bene, ci sono io che controllo”.

 

Ma oltre a questo, per me la vedetta ha altre due funzioni importanti che dovrebbero non farvi sottovalutare il suo utilizzo.

In primis, aumenta la visibilità del gioco: un uccello posato in alto, infatti, è visibile da molto più lontano rispetto a uno posato a terra, e questo vi permetterà di attrarre anche gli individui più lontani. Inoltre, la vedetta focalizza l’attenzione delle cornacchie in entrata: avvicinandosi al gioco si concentreranno prima su di lei e poi sugli stampi, così, posizionandola accuratamente, riuscirete a ridurre l’attenzione verso la zona del capanno, diminuendo le possibilità di essere avvistati.

Dove posizionare la vedetta

Quando scelgo un campo in cui fare l’appostamento controllo sempre 3 cose: che le cornacchie siano lì in pastura nei giorni precedenti alla cacciata, che ci sia un buon punto con vegetazione per mimetizzare il capanno e che ci sia un albero adatto per posizionare la vedetta.

Le caratteristiche di quest’ultimo, infatti, sono fondamentali per posizionarla in modo utile e credibile:

  • Non deve essere a ridosso del capanno, altrimenti, come abbiamo visto, attireremmo l’attenzione proprio su di noi;
  • Deve essere abbastanza alto da essere ben visibile da lontano, ma non troppo così da permetterci di posizionare la vedetta nel punto più alto;
  • È preferibile che sia una pianta isolata, perché cattura di più l’attenzione, ma nel caso in cui non ce ne fossero, è bene scegliere sempre la pianta più alta;

Il più delle volte, comunque, è dall’osservazione della zona di caccia fatta nei giorni precedenti che ci arriva l’indicazione sul dove posizionare la vedetta: prendetevi qualche minuto per osservare da lontano il comportamento delle cornacchie, guardate dove preferiscono pasturare, come arrivano nel campo e quale albero utilizzano come appoggio. Quella è sicuramente la scelta più credibile per posizionare la vostra vedetta.

Come posizionarla: la soluzione di Pianeta Colombaccio

Da quando ho iniziato a cacciare le cornacchie il posizionamento della vedetta è sempre stato l’aspetto più critico. Ho provato diversi sistemi, dal filo con il peso, alle canne da pesca modificate, fino ai lofting poles utilizzati per il colombaccio. Ma nessuno di questi sistemi mi ha mai soddisfatto a pieno, alcuni erano molto laboriosi da gestire o piuttosto pesanti da portare, mentre altri non mi permettevano di raggiungere la giusta altezza.

Quest’anno, però, ho utilizzato una soluzione che ritengo valida per molti contesti e che mi sento di consigliarvi. È un sistema commercializzato da Pianeta Colombaccio, che comprende uno stampo imbalsamato o in plastica, un gancio da ramo con peso scorrevole, un’asta telescopica in fenolico da 8 metri e un innesto ad imbuto.

posizionare vedetta cornacchie
In foto lo stampo di cornacchia in penna, il gancio con peso scorrevole e l’imbuto, prodotti da Pianeta Colombaccio.

Il funzionamento è semplice: si avvita il gancio sull’innesto posizionato alla base dello stampo, si appende al ramo utilizzando l’asta con l’imbuto e il contrappeso bilancia lo stampo mantenendolo in una realistica posa appollaiata. Vi lascio qui sotto un video in cui Gerry di Pianeta Colombaccio presenta il sistema, utilizzando in questo caso uno stampo in plastica di colombaccio.

Di questo set mi sono piaciute diverse cose: pesa poco (l’asta pesa meno di 2 kg) e si trasporta facilmente (per chi come me caccia spesso in solitaria è un aspetto da non sottovalutare); è molto veloce da utilizzare (in meno di 2 minuti posizioni la vedetta senza problemi); mi permette di gestire e posizionare più vedette (io ne uso quasi sempre 2 e a volte 3); il sistema di aggancio alla base degli stampi è semplice e all’occorrenza si possono adattare anche degli stampi di cui si è già in possesso; il costo è contenuto, con una cifra intorno ai 150€ vi portate a casa asta, imbuto, gancio e stampo in plastica.

Non si raggiungono altezze elevatissime, fra asta, imbuto e altezza di chi lo utilizza, si arriva sui 10 metri, che nella mia zona sono comunque sufficienti per raggiungere le cime delle robinie di medie dimensioni. Per chi ha l’esigenza di andare più in alto, comunque, Pianeta Colombaccio offre diversi tipi di asta che sono compatibili con questo sistema di posizionamento. Qui trovate il catalogo completo e le info di contatto.

Vedetta: in penna o in plastica?

Chiudo rispondendo a questa domanda, che mi ha fatto qualche tempo fa un utente sui social: “Per la vedetta è meglio utilizzare uno stampo in penna o in plastica”? Se avete già letto il mio articolo dedicato agli stampi sapete che in generale preferisco gli stampi in plastica floccati, più economici e più semplici da gestire rispetto alla controparte in penna.

Ma la vedetta fa eccezione. È probabilmente lo stampo più importante del nostro gioco, come abbiamo visto è quello su cui si focalizza maggiormente l’attenzione delle cornacchie in entrata e di solito se ne utilizzano poche, quindi, il fattore economico non è così influente. Per questi motivi per le vedette preferisco sempre utilizzare stampi in penna di buona fattura.

Concludendo

Spero che questi consigli possano tornavi utili nelle vostre giornate di caccia e se un giorno, immobili dietro la rete mimetica del vostro capanno, vedrete una cornacchia fidarsi così ciecamente della vostra vedetta da posarsi sui rami accanto, vorrà dire che avrete imparato a posizionarla in modo perfetto.

Pubblicità
Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button