AbruzzoDalle Regioni

Abruzzo, arriva l’OK al Piano di controllo del cinghiale. Braccata consentita anche nelle aree non vocate

Dino Pepe, Assessore alle politiche venatorie della Regione Abruzzo, ha reso noto che nei giorni scorsi la Giunta regionale ha approvato il Piano di controllo del cinghiale, che come ha precisato l’assessore consentirà l’abbattimento della specie per l’intero anno, anche negli Istituti di tutela e nei periodi di caccia chiusa.

Pubblicità
 
Caccia in selezione e Piano Faunistico

Il Piano di controllo arriva dopo che lo scorso 9 febbraio (con determina DPD 023/14 del 09/02/2017), il Dipartimento dello Sviluppo rurale ha autorizzato la caccia di selezione al cinghiale in Abruzzo fino al mese di giugno 2017, a seguito del parere favorevole espresso dall’ISPRA sui Piani di abbattimento predisposti dagli ATC.

“Questo tipo di caccia – ha osservato Pepe – introdotto nella nostra regione a titolo sperimentale lo scorso anno e quest’anno attiva a pieno regime, già a partire dal mese di febbraio, prevede l’abbattimento di un certo numero di capi ad opera di cacciatori opportunamente abilitati attraverso dei corsi di formazione”.

“Abbiamo avviato anche il lavoro di approvazione del Piano faunistico regionale – ha ricordato Pepe – revisionando il vecchio strumento ormai obsoleto, che è il principale strumento di pianificazione territoriale in mano alle istituzioni e che definisce la strategia di gestione faunistico-venatoria. Uno dei temi che impegnerà il tavolo di redazione del Piano e che guiderà le sue scelte, in particolare relativamente alla destinazione differenziata dei singoli territori, riguarderà proprio la gestione del cinghiale”.

Abbiamo attivato, in buona sostanza, tutti gli strumenti necessari per affrontare con programmazione e rispetto delle norme una problematica che prevede un “nuovo metodo di lavoro” basato su un’opera di sottile concertazione tra le diverse esigenze contemperate, mantenendo al primo posto priorità indifferibili quali la sicurezza dei cittadini e la tutela del reddito degli agricoltori”.

L’obbiettivo è l’eradicazione del cinghiale nelle aree non vocate

“Inoltre – ha proseguito l’assessore – nei giorni scorsi, la Terza Commissione ha dato il via libera al nuovo regolamento sul prelievo venatorio degli ungulati: le modifiche apportare nascono dall’esigenza di dare una risposta concreta alla ben conosciuta situazione emergenziale venutasi a creare con l’espansione delle popolazioni di cinghiale nelle aree ecologicamente “non vocate”, costituite da zone antropizzate, rete viaria e produzioni agricole di maggior pregio, in cui si è acuito, negli ultimi anni, il fenomeno dei danni e degli incidenti stradali”.

Vuoi Restare sempre aggiornato? Iscriviti alla nostra Newsletter!

Viene data priorità al raggiungimento dell’obiettivo di eradicazione del cinghiale in questi territori, ad altissimo impatto sulle attività umane, rafforzando sia gli strumenti di pianificazione, sia i metodi di abbattimento. Si permette, ad esempio, a tutti i cacciatori iscritti all’ATC di potervi esercitare la caccia con tutte le tecniche consentite. La modifica era necessaria visto che nel testo precedente la caccia era vietata alle squadre in braccata e, paradossalmente, autorizzata ai cacciatori in forma singola. Il calendario venatorio 2016/17, ancora in vigore – conclude l’assessore – prevede la programmazione della caccia di selezione per tutto il periodo di caccia chiusa fino a giugno, con un prolungamento del periodo cacciabile alla specie che non ha mai avuto eguali nella nostra regione e che può contribuire efficacemente a contenere il danno che la specie provoca alle colture agricole in questi specifici mesi”.

Appena il testo integrale del Piano di controllo del cinghiale sarà disponibile lo pubblicheremo a questo link.

Photo Credit: Wildlife Sniper via photopin (license)

Vuoi restare aggiornato? Attiva le notifiche!

Scegli le categorie di contenuti che ti interessano e metti i bottoni che trovi qui sotto su ON.



Non visualizzi i bottoni? Leggi qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button