Associazioni Venatorie unite sul futuro della caccia in Campania

Di seguito il comunicato delle Associazioni Venatorie sull’approvazione del calendario venatorio della Campania per la stagione di caccia 2016/2017.

Pubblicità  

E’ stato un lavoro faticoso ma importante quello svolto da tutte le Associazioni venatorie nazionali riconosciute della Regione Campania il 26 maggio 2016 a Volla, che hanno avviato un confronto severo ma sempre rispettoso e trasparente, alla luce del sole. Una volontà che ha permesso di introdurre migliorie alla proposta di Calendario Venatorio della stagione 2016/2017.

Ricusato ogni approccio ideologico e demagogico, il tavolo di lavoro si è riunito per recepire i margini di perfezionamento del calendario nelle parti che trovano presupposto e conforto fondato nel Parere dell’Ispra, rifuggendo dalla tentazione di andare a richieste insostenibili e quindi impraticabili. Così, insieme, si è convenuto sulla possibilità di chiedere e ottenere, in particolare ed emblematicamente per il solo tordo sassello, la possibilità di caccia fino al 30 gennaio 2017.

Le Associazioni venatorie apprezzano la competenza e la serietà con cui la Regione, tecnici e delegato dal Presidente della Giunta, hanno condotto il dibattito e governato le relazioni con i portatori d’interesse. Merito a quanti hanno cercato, pur nella rappresentanza di idee diverse, di mettere prima delle proprie finalità associative quelle della terra e del patrimonio faunistico e paesaggistico della Campania. E’ così il primo risultato è stato trovare sul Calendario una convergenza significativa con gli imprenditori agricoli ma anche raccogliendo parziali riconoscimenti di parte del mondo ambientalista che si è astenuto.

E’ questa, del Calendario, un’opportunità positiva che vede il mondo venatorio campano impegnato a leggere questo risultato propedeutico all’apertura di una nuova stagione di dialogo per promuovere più ampie relazioni con le Associazioni, i cittadini, le istituzioni, al fine di affrontare e risolvere i problemi che derivano da una storica assenza di incisive politiche di gestione faunistica delle specie selvatiche su tutto il territorio agro-silvo-pastorale. E’ tempo di una concertazione attiva tra gli Enti gestori, parchi e ATC. Occorre corrispondere insieme al prioritario interesse – che fa bene al Paese – di una convivenza delle specie selvatiche presenti al “servizio dell’agricoltura” e che qualifichi e accresca il riconoscimento del ruolo dell’impresa e del patrimonio agricolo. Anche in questo settore necessita la ripresa economica per l’oggi ma per dare anche la garanzia che il meraviglioso paesaggio della Campania sarà fruibile e godibile dalle nuove generazioni e dai cacciatori del futuro, nuovo presidio della migliore ruralità.  

Fonte Federcaccia.org

Leggi anche Via libera al calendario venatorio della Campania 2016/2017

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!


Ogni venerdì mattina riceverai un'email con tutte le novità della settimana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button