Fauna e AmbienteProgetti e Studi Scientifici

Scolopax Overland, continua il progetto di ricerca sulla migrazione delle beccacce

Quest'anno le attività di marcatura si sono concentrate al sud, spingendosi fino all'Isola di Pantelleria. 10 soggetti stanno già trasmettendo i dati della loro posizione da paesi dell'Europa orientale

Anche quest’anno prosegue il progetto di ricerca Scolopax Overland, con cui si mira a raccogliere importanti dati scientifici sulla fenologia migratoria della beccaccia e che vede coinvolti l’Ufficio studi e ricerche faunistiche e agroambientali di Federcaccia e l’associazione Amici di Scolopax.

Pubblicità
 

Il progetto, con cui da tre anni collabora anche l’Università di Milano, è iniziato nel 2009 ed ha già portato alla pubblicazione di un importante studio scientifico sulla rivista Current Zoology. Si basa sulla tecnologia dei mini-trasmettitori satellitari alimentati ad energia solare (dal peso di circa 5 grammi) che, una volta posizionati sulla schiena dell’animale, permettono di seguirne per alcuni mesi gli spostamenti anche a migliaia di chilometri di distanza.

Le attività di marcatura nel 2021

Quest’anno le marcature si sono svolte nel dicembre 2021 e rispetto agli anni passati l’attività si è spostata più a sud, con esemplari marcati in Molise, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia fino ad arrivare ad alcune marcature nell’isola di Pantelleria.

Ad oggi – spiegano i responsabili del progetto – sono dieci le beccacce che hanno inviato segnali dell’inizio della migrazione prenuziale che le porterà da varie località di svernamento italiane ai luoghi riproduttivi.” Oltre a queste, si attende ancora il segnale di localizzazione (che dovrebbe arrivare nei prossimi giorni) di altre beccacce per le quali si è scelto un intervallo di trasmissione più lungo.

Quelle che per ora stanno trasmettendo si trovano in questi giorni in vari Paesi dell’Europa orientale, come Serbia, Ungheria, Polonia, Romania, Bosnia-Erzegovina, Ucraina e Repubblica Ceca. Tra queste ci sono anche due beccacce marcate nel 2020 che sono giunte al secondo anno di monitoraggio, entrambe hanno svernato nelle stesse località dell’anno precedente, in Liguria e in Sardegna.

Un esempio della rotta migratoria seguita da una beccaccia marcata a dicembre nel nord della Sicilia giunta a inizio aprile in Romania.

“Sono stati purtroppo persi alcuni soggetti, per predazione e abbattimento durante la stagione venatoria – continuano gli organizzatori – ma di diversi individui è stato recuperato il trasmettitore, che sarà così disponibile per le attività di dicembre 2022.”

Come sostenere il progetto

Le attività di Scolopax Overland sono state realizzate grazie a fondi raccolti dell’Associazione Amici di Scolopax e da Federcaccia, a cui ha contributo anche il settoriale UCIM (Unione Cacciatori Italiani Migratoristi) e i vari ambiti territoriali di caccia coinvolti.

Se volete sostenere direttamente questo progetto di ricerca, l’Associazione Amici di Scolopax ha attivato una raccolta fondi a cui è possibile aderire in modo molto semplice. La trovate a questo link.

Pubblicità

Un Commento

  1. Grazie per quello che state facendo, mi sembra una attività molto positiva.
    Appena possibile darò sicuramente un contributo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button