AbruzzoDalle Regioni

Teramo piano di contenimento volpi al via

La provincia di Teramo ha approvato il piano di contenimento delle volpi: dal 19 marzo e fino al 10 aprile le squadre composte dalle Guardie faunistiche volontarie coadiuvate dalle Guardie ecologiche e con la supervisione della Polizia Provinciale potranno cacciare questa specie utilizzando la tecnica della girata con tre cani al massimo per squadra.

Pubblicità
 

Il piano di contenimento è gestito dagli Ambiti territoriali di caccia (Vomano e Salinello) ed è stato predisposto sulla base del censimento della specie. Per gli istituti del Salinello, la densità media, ha raggiunto 5 esemplari di volpe per 8 km² con un valore minimo di 1,8 esemplari/kmq ed un valore massimo di 9,4 capi/kmq. La consistenza totale stimata per tutte le riserve si aggira intorno ai 360 animali. Per gli istituti del Vomano, la densità media della volpe, calcolata su tutte le ZRC e Aree Cinofile, è pari a 5.0 esemplari/kmq con un valore minimo di 2,5 esemplari/kmq ed un valore massimo di 7,3 esemplari/kmq per un totale stimato in 400 esemplari.

La provincia ha sottolineato come la volpe sia una specie particolarmente predatoria e provochi numerosi danni agli agricoltori e agli allevatori per l’uccisione di animali di bassa corte, della piccola selvaggina e delle specie protette.

Il Piano, quindi, si pone l’obiettivo di “mantenere la densità di 1 volpe/kmq“; un risultato che “vista l’eccessiva presenza sul territorio” non “può che essere raggiunto anche con l’utilizzo alla tecnica della girata“, come sostenuto dal dirigente del settore, Antonio Flamminj, che nel replicare all’Ispra – che contesta l’uso della tecnica – ha fatto notare che lo stesso Istituto ha dato parere favorevole all’ATC Pescara.

Nello specifico, gli interventi programmati verranno effettuati all’interno delle Zone di Ripopolamento e Cattura, delle Aree cinofile e della Aree di rispetto venatorio ossia in tutti quei territori destinati alla riproduzione di fauna selvatica allo stato naturale ed al loro irradiamento nelle zone circostanti.

Il Piano di contenimento avrà durata triennale con scadenza dicembre 2019 e gli interventi saranno attuati esclusivamente secondo le seguenti metodologie e il seguente calendario:

  • con gabbie nei mesi dei gennaio e febbraio
  • alla tana durante la stagione riproduttiva dall’ 11.04 al 30.06;
  • in girata con l’ausilio del cane con funzione di limiere dal 01.02 al 10.04
  • notturni alla cerca o da appostamento fuori dalla stagione riproduttiva.

Fonte:provincia.teramo.it

Photo credit: Fenced in Fox via Photopin (license)

Vuoi restare aggiornato? Attiva le notifiche!

Scegli le categorie di contenuti che ti interessano e metti i bottoni che trovi qui sotto su ON.



Non visualizzi i bottoni? Leggi qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button