Wilderness

Ancora un Orso Marsicano morto. Wilderness: “Bisogna fare in modo che non abbandonino il Parco”

Vi riportiamo di seguito il comunicato dell’Associazione Italiana Wildernees in cui il Segretario generale Franco Zunino commenta la recente morte per investimento di un Orso Marsicano uscito dai confini del Parco nazionale della Majella, in località Roccaraso.

Pubblicità
 

BannerAIW300ANCORA UN ORSO MORTO!

Non ci sono più parole per queste ennesime segnalazioni di orsi morti! Come si è avuto modo di scrivere in passato, ormai si contano i vivi per sottrargli i morti, e così stabilire quanti ne rimangono: in attesa di un successivo conteggio, sempre in negativo!

Ora ci verranno a dire che il pericolo maggiore sono le automobili, come già dissero in passato (e come è per la caccia, ipotesi che continua a restare in piedi perché piace troppo agli animalisti-anticaccia). Da qualche tempo si sono installati cartelli lungo le strade principali, parte a cura dell’Ente Parco e parte da un’associazione di volontariato. Si pensava così di risolvere, o almeno arginare, il problema collisioni. Una soluzione che, però, non andava e non va alla sua fonte: e quindi non serve a nulla per risolverlo!

Si è negato per anni il fenomeno “emigratorio-dispersivo” della popolazione sempre più esigua dell’orso marsicano, per cui ci sono ormai più orsi fuori dal Parco che nel Parco (ricordiamo che il fenomeno risale ai lontani anni ’70), dove il rischio di collisioni è più alto a causa di una maggiore presenza di strade, e sempre più a scorrimento veloce: si finirà per dover tabellare tutta la rete stradale d’Abruzzo, Lazio e Molise, e finanche le autostrade!

E invece il problema andava risolto a monte, alla fonte, ovvero facendo in modo che gli orsi non abbandonassero il Parco! Una soluzione molto semplice. Ma che sembra non piacere a tanti!

Non bisogna costringere i cittadini a limitare la velocità su tutte le strade a rischio collisione (che, come si è detto, finiranno per comprendere tutta la rete stradale d’Abruzzo!)BISOGNA EVITARE CHE GLI ORSI ATTRAVERSINO LE STRADE!

E c’è un unico modo per farlo: fare in modo che gli orsi non lascino i confini del Parco Nazionale e le aree naturali e selvagge al suo interno!

Come fare?

Ritornando a seminare almeno una parte di quei campi agricoli subito all’esterno di queste aree e favorendo il pascolo ovino (o almeno attirarli nel Parco con mais, mele e carote, come si fece un tempo pur di negare il fenomeno della loro emigrazione!). Perché è quello che non trovano più in quei campi e stazzi (oggi pollai, per disperazione!) che gli orsi vanno a cercare nei dintorni di Lecce e Ortona nei Marsi, S. Sebastiano di Bisegna, Pettorano sul Gizio, Roccaraso e… Sulmona! Solo per fermarci all’Abruzzo!

Riportare l’orso alle sue montagne, ma non con le catture ed i trasferimenti coatti, ma facendo in modo CHE SIA L’ORSO STESSO A RITORNARVI… ed a restarvi!

Murialdo, 20 Ottobre 2016

Franco Zunino
Segretario Generale Associazione Italiana Wilderness

già primo studioso sul campo dell’Orso marsicano

Vuoi restare aggiornato? Attiva le notifiche!

Scegli le categorie di contenuti che ti interessano e metti i bottoni che trovi qui sotto su ON.



Non visualizzi i bottoni? Leggi qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button