Europa, la posizione della FACE su perdita di biodiversità e grandi carnivori

Il nuovo presidente della FACE, Torbjörn Larsson, in occasione della conferenza “Crossroads: Leading the Way for Wildlife Conservation”, svoltasi dal 2 al 4 maggio a Windhoek (Namibia) in concomitanza con la 66ª Assemblea Generale del CIC, ha presentato il punto di vista della FACE su dei importanti temi riguardanti la conservazione della fauna selvatica in Europa: la perdita di biodiversità e il ritorno dei grandi carnivori.

Pubblicità

La perdita di biodiversità

Sul problema della perdita di biodiversità Larsson ha spiegato che i cacciatori e le associazioni venatorie nazionali sono consapevoli dell’impatto significativo che hanno l’agricoltura e l’utilizzo sconsiderato del suolo su molte specie cacciabili. In particolare sulle popolazioni di piccola selvaggina che risultano drammaticamente in declino.

Per questo secondo Larsson l’Europa nella prossima riforma della PAC(la politica agricola comune europea) che si attuerà nel 2020, dovrà dedicare maggiori sforzi alla tutela della biodiversità, in particolare alle specie di piccola selvaggina come la Starna, Lepre e la Tortora.

I grandi carnivori

L’altro tema discusso dal Presidente Face in materia di conservazione della fauna selvatica è stato il ritorno di alcune popolazioni di grandi carnivori. Per Larsson questo è il risultato di una politica di conservazione di successo ma che ha ancora dei difetti. Ad esempio, per ridurre i conflitti tra persone e grandi carnivori sarebbe necessaria una maggiore flessibilità nell’attuazione delle leggi europee che dovrebbero considerare specifiche circostanze locali, regionali e nazionali.

Secondo il presidente FACE lo stato di protezione di alcune popolazioni di grandi carnivori, come il Lupo e l’Orso bruno, in alcuni Stati potrebbe essere modificato per consentire strategie di conservazione pragmatiche ed efficienti.

FACE e Elezioni Europee

Torbjörn Larsson, infine, ha ricordato che in vista delle prossime elezioni del Parlamento europeo la FACE si sta mobilitando per promuovere la formazione del nuovo intergruppo parlamentare “Biodiversità, Caccia e Ruralità”, che da anni sostiene e promuove il ruolo della caccia in Europa: “La missione di FACE è quella di promuovere e proteggere la caccia in Europa, principalmente attraverso le istituzioni dell’UE: le decisioni prese a Bruxelles hanno un impatto decisivo sulla direzione che gli Stati membri attribuiscono alle politiche ambientali e questo ha enormi effetti sulla caccia e sui cacciatori in Europa: l’85% delle regole che riguardano l’ambiente e la caccia vengono da Bruxelles “.


IoCaccio.it

Un team giovane e dinamico, legato da una profonda passione per la caccia, per l'outdoor e per la natura. Noi cacciamo e scriviamo per passione!
Back to top button
Close