Attualità VenatoriaGestione Ambientale

Piombo, divieto in vigore, il Governo definisce le zone umide in cui sarà applicato

Con una circolare congiunta dei Ministeri di Agricoltura e Ambiente il nuovo esecutivo ha definito le zone umide in cui da oggi scatta il divieto di utilizzo di munizioni in piombo: interessate le aree Ramsar e le zone umidi ricadenti in SIC, ZPS, riserve naturali e oasi di protezione.

Inizia oggi, 15 febbraio 2023, l’applicazione del divieto di utilizzo delle munizioni in piombo in tutte le zone umide europee e nel raggio di 100 metri dai loro confini. Fin da quando il regolamento è stato approvato, era settembre 2020, si è discusso parecchio, sia a livello europeo che nazionale, sulla necessità di avere una chiara definizione di “zona umida”, quella inserita nel Regolamento europeo 2021/57, infatti, è poco precisa, molto estesa e difficilmente applicabile.

Pubblicità
 

Negli ultimi mesi i portatori d’interesse hanno chiesto più volte un intervento della Commissione Europea, che ha però passato la palla alle autorità nazionali: “sono loro a dover individuare in modo specifico le zone umide perché meglio posizionate sul territorio”.

Finalmente ii Italia, dopo il disinteresse del vecchio Governo ad aprire un tavolo di confronto con le associazioni venatorie, la scorsa settimana il nuovo esecutivo è intervenuto sulla questione con una circolare interpretativa congiunta dei Ministeri di Agricoltura e Ambiente che ha chiarito gli aspetti applicativi del divieto.

Cosa si intende per “zona umida”

Innanzitutto, la circolare chiarisce con una precisa definizione quali sono le zone umide in cui sarà vietato l’utilizzo del piombo: “Per zona umida si deve intendere la zona acquitrinosa che per dimensioni, instabilità morfologica, natura sia in grado di fornire un habitat stabile e duraturo agli uccelli acquatici, di contro, sono escluse “le aree che a causa delle loro dimensioni o della loro instabilità, non sono suscettibili di fornire habitat per gli uccelli acquatici.”

Quindi, per l’applicazione del divieto, specifica la circolare, sono da considerare come “zona umida”:

  • le zone classificabili come aree Ramsar, qui trovate l’elenco;
  • le zone umide ricadenti nei siti d’interesse comunitario (SIC) e nelle zone di protezione speciale (ZPS), qui trovate una mappa interattiva;
  • le zone umide ricadenti all’interno di riserve naturali e oasi di protezione istituite a livello nazionale e regionale.

Sono escluse, invece, “tutte le aree idriche effimere, soggette a variazioni temporanee del livello dell’acqua o del contenuto di umidità, prive del carattere di stabilità e permanenza”.

Porto di munizioni e Tiro sportivo

La circolare chiarisce anche che non basta il semplice porto di munizioni in piombo per essere sanzionati: “L’accertamento della violazione del divieto – si legge documento ministeriale – deve essere compiuto tenendo conto di tutte le informazioni e circostanze necessarie ad attestare l’effettivo e concreto pericolo attuale della immissione nell’ambiente di piombo” e “il soggetto trovato in o intorno a zone umide che porti con sé pallini di piombo durante la battuta di caccia, o in relazione ad essa, potrà dimostrare, se richiesto, che intendeva effettivamente sparare altrove, essendo solo in transito nella suddetta zona umida”.

Chiarita anche la posizione del tiro sportivo che è esclusa dal campo di applicazione del divieto “in considerazione del fatto che presso le strutture di tiro a segno vige l’obbligo di raccolta del piombo secondo la normativa vigente”. Qui trovate il testo integrale della circolare ministeriale.

Pubblicità

Potrebbe interessarti

guest
10 Commenti
Più recenti
Meno recenti Più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Silvano Mangherini
Silvano Mangherini
4 mesi fa

PROVINCIA DI FERRARA, risaie in A T C FE 4 ,SIPUO’ sparare con il PIOMBO ?

Giovanni Baldacci
Giovanni Baldacci
5 mesi fa

Buongiorno io abito nella provincia Lucca, non riesco a capire bene la circolare da voi pubblicata mi sembra un po’ vaga , generale a livello nazionale, una delle tante domande che non riesco a darmi risposta come riconosco la zona umida se non è segnalata ? Posso camminare lungo un Fasso tenendo in tasca delle cartucce con il piombo e nel fucile con cartucce acciaio? Posso tenere in macchina delle cartucce di piombo ? E girare con il fucile carico con cartucce acciaio? Se nella eventualità fossi fermato chi è autorizzato a frugare nella mia macchina privata ? Chi mi garantisce che in effetti chi mi ferma conosce le regole o si approfitta della situazione e sono costretto a mettere avvocati ? Mi farebbe piacere essere più a conoscenza con chiarezza della situazione che si è creata , mando ila mia mail, nella speranza di un chiarimento più preciso grazie, augurando un sincero buon lavoro

Valentino
Valentino
5 mesi fa

un laghetto di campagna che d’estate per la.siccita si secca e poi quando piove si riempie è considerato zona umida???

Luca
Luca
6 mesi fa

Buongiorno, secondo lei, i chiari, tipo i nostri nel ravennate e ferrarese fuori da SIC e ZPS sono esclusi dall utilizzo del acciaio? sono temporaneamente allagati solo per la caccia

Matteo
Matteo
8 mesi fa

Salve io caccio nella regione Lazio sul Tevere vorrei sapere se è obbligatorio oppure no L impiego di munizioni contenenti pallini differenti al piombo. Grazie

Marco
Marco
9 mesi fa

Quindi fatemi capire.Ad esempio le risaie non sono “allagate” tutto l’anno quindi dovrebbero essere esenti da questa norma.Oppure no?Io caccio in Atc Pv6 (ZPS) dove in alcune zone era già prevista la proibizione del piombo ma se le risaie fossero comprese quasi tutto l’ambito sarebbe soggetto a questa restrizione.

Renni Marco
Renni Marco
5 mesi fa
Reply to  Marco

Grazie per la risposta sempre tempestiva.Mi permetto solo di aggiungere o meglio di chiedere se ad oggi 24 Agosto si e’ fatta chiarezza o meno sull’argomento.Dai “silenzi” del “Mio” Atc PV 6 ZPS mi sa che siamo ancora in alto mare anche se l’apertura si avvicina

Pubblicità
Pulsante per tornare all'inizio