Allodola

Nome Comune
Allodola

Nome scientifico
Alauda arvensis
(Ordine Passeriformi)

Stato di conservazione in Europa
(Fonte: IUCN Red List of Threatened Species)
Consulta il dossier completo dell IUCN sull’allodola


Dimensioni

Lunghezza 16-18cm
Peso 35-45 gr
Apertura alare 36 cm

Caratteristiche distintive

Ha un piumaggio bruno scuro con striature nere nella parte superiore, mentre il ventre e il sottocoda sono bianchi con sfumature gialle. Fortemente caratteristico è il ciuffo erettile, che mostra se allarmata. Altra caratteristica tipica è l’unghia dell’alluce molto allungata che viene usata nei combattimenti per la difesa del territorio di nidificazione.

Canto
Differenza tra i sessi

I due sessi sono difficilmente distinguibili. Il maschio, leggermente più grosso, ha la gola piatta, una macchia nera al centro della coda e uno sperone più lungo rispetto alla femmina.

Abitudini

L’allodola è un uccello gregario che vive piccoli branchi. Ha un volo potente e ondulato piuttosto caratteristico, in cui alterna battiti d’ala a chiusure d’ala. Vola spesso oltre i 100 metri da terra per poi scendere ad ali chiuse verso il terreno, dove trova riparo e alimentazione nelle grandi estensioni cerealicole, alternate a pascoli e prati.
E’ un uccello terragnolo (raramente si posa sugli alberi e nidifica a terra), tant’è che nel sud Italia è conosciuta con il nome di “terragnola”. A terra cammina e saltella agilmente tenendo il corpo in posizione orizzontale.

Alimentazione

L’allodola ha una alimentazione granivora e insettivora. Prevalentemente si ciba di semi di piante selvatiche o coltivate, di germogli e di foglie ma durante il periodo riproduttivo arricchisce la dieta con insetti e larve.

Riproduzione

Durante il periodo riproduttivo, che inizia ad aprile, il maschio compie una vera e propria parata nuziale volando sopra il territorio della cova fino ai 150 metri di altitudine con voli a spirale per poi discendere in ampi cerchi. A terra il maschio corteggia la compagna girandole attorno con un’ala cascante, tenendo erette le piume della testa e del collo e la coda spiegata. La femmina, che costruisce il nido da sola, nidifica in una depressione del terreno, covando dalle 3 alle 6 uova per 11-12 giorni, e solitamente effettua 2-3 covate all’anno. I piccoli, nutriti anche dal maschio, sono capaci di volare dopo circa 3 settimane dalla nascita e abbandonano il nido dopo 9-10 giorni.

Habitat, Distribuzione e Migrazione

L’allodola predilige gli habitat aperti e ha una forte associazione con tutti i tipi di terreni agricoli, ma non è insolito trovarla in prati, pascoli, steppe, marcite, dune e anche in ampie radure forestali.
La specie è distribuita come nidificante in Europa, Africa nord-occidentale e Asia. Le popolazioni del nord e dell’est Europa in autunno compiono breve migrazioni verso l’Europa meridionale e il Nordafrica per poi ritornare alla fine dell’inverno ai luoghi di nidificazione.
In Italia la specie è residente ed in parte erratica: le popolazioni del nord Europa sono di passo in ottobre-novembre ed in marzo-aprile. Clicca qui per consultare la mappa delle distribuzione

Popolazione e Conservazione

In Europa, si stima una popolazione nidificante di 88.700.000-158.000.000 individui (circa il 30% della popolazione mondiale). Dopo le segnalazioni negli ultimi decenni di cali regionali, la popolazione europea è considerata in declino, sopratutto a causa della intensificazione agricola. Recenti ricerche indicano che le principali cause del declino sono i cambiamenti nella gestione dei pascoli, le moderne tecniche di coltivazione dei cereali (che riducono le opportunità di nidificazione e foraggiamento) e l’uso massiccio di pesticidi ed erbicidi.
Per questo sono richieste misure di conservazione su vasta scala, che includono il mantenimento della diversità delle colture, la riduzione nell’uso di fertilizzanti, diserbanti e pesticidi e il mantenimento delle stoppie durante l’inverno. Nel Regno Unito, si è constatato che il taglio e la coltivazione delle terre messe a riposo deve essere ritardata fino a luglio per evitare di distruggere i nidi.

Caccia all’allodola

L’allodola si caccia prevalentemente da appostamento, nei mesi di ottobre e novembre, con richiami vivi, specchietti e civette. Meno praticata in Italia, ma comunque affascinante è la caccia vagante al salto o alla “borrita”.

Curiosità

In primavera le allodole si cibano dei germogli della cicuta perché particolarmente ricchi di sostanze nutritive. La cicuta è una pianta tossica per l’uomo ma non per l’allodola.

Vuoi restare aggiornato? Attiva le notifiche!

Scegli le categorie di contenuti che ti interessano e metti i bottoni che trovi qui sotto su ON.



Non visualizzi i bottoni? Leggi qui

Back to top button