Ma allora non dico poi tante cazzate……

Cari amici e amiche di Diana, oggi mi sento particolarmente ispirato dopo aver ascoltato telefonicamente come stanno andando a caccia alcuni soci del gruppo Quackers Italia & Irsuto Team.
Ops, telefonicamente?????? C’è stata una polemica infinita da maggio all’apertura, anzi fino a una settimana dopo la stessa, eh si… e la polemica si intitolava:

Pubblicità  
  • Sciopero dei cacciatori Emiliano romagnoli per la legge che vieta l’uso del cellulare
  • Ricorsi e contro ricorsi al TAR per fare annullare questa normativa anticostituzionale.

Poi c’era un pirla (il sottoscritto) che scriveva su questo sito che ritengo uno dei migliori a livello nazionale per temi trattati e soprattutto di immediata utilità (non come quelli che arrivano mediamente un mese dopo anche se di caratura più importante..- almeno così credono gli stessi): Ma come? Ma chi vuoi che ti faccia la multa per… ecc ecc solo fumo negli occhi per…. ecc ecc serve solo a farci indorare la pillola, molto più grossa e amara… e direi che più che una pillola ci hanno infilato una supposta di ghisa!

E non mi fermo solo a pensare alle specie che ISPRA (ribadisco ente costoso ed inutile) ci vuole chiudere nei prossimi 3 anni, non mi limito a pensare a quei 300.000 euro di sanzione europea che andremo a pagare al giorno per non aver eradicato scoiattolo grigio e nutria, come impone la comunità europea.
No no, io parlo del nuovo Parco sul Po, di tutte le ristrettezze dedicate al mondo venatorio e del cambio di quella legge (la 157/92) che solo a vantaggio del mondo venatorio non la si può cambiare, ma per appoggiarcelo, evidentemente Galletti & soci non ci mettono la scala.

Praticamente adesso per il migratorista (per il mondo stanziale/ungulato nessun cambiamento) non esiste più il “segnare il capo solo al momento dell’abbandono del sito di caccia”, no, adesso lo devi segnare appena questo (scusate la forzatura ma ci sta bene) tocca terra o acqua. Cosa ha comportato questo? Beh direi notevoli problemi e i corpi di vigilanza (che troppo spesso interpretano come vogliono perchè non hanno una certezza dalla Regione) non ci hanno messo molto a “scrivere”.

Per poi non pensare ai chiarimenti delle normative e delle leggi nuove, che dalla Regione Emilia Romagna sono arrivati solo ed esclusivamente dopo che lo stesso “pirla” di prima ha inviato una raccomandata in Regione, chiedendo a gran voce che venissero chiariti i seguenti punti:

  1. Chiarezza del cambio della 157, dove appunto si doveva specificare ai cacciatori la differenza tra capo abbattuto e raccolto. La legge parla chiaro: capo raccolto quando ne entri in possesso, capo abbattuto quando si spegne atterra o in acqua che sia. E infatti la legge dice abbattuto, e poco conta se la Regione ha catechizzato i corpi di vigilanza dicendo di verbalizzare solo se non segnati in possesso, la legge è quella e la Regione non può andare al di sopra della 157, deve starne all’interno.
  2. La questione del nostro amato storno: ad ogni provincia una interpretazione diversa, stampi no, stampi si, merlo si, merlo no, stampo di storno con becco arancio si o no… un bel casino e per uscire dovevi semplicemente telefonare a tutti i corpi di vigilanza per sapere se loro “scrivevano” e in quale caso.
  3. Una richiesta mirata, (su segnalazione di un’amico della zona) dove nel modenese durante una riunione con il corpo di vigilanza il suddetto usciva con sta cagata fotonica, di loro iniziativa: le anatre non con la balza al piede ma solo con imbragatura…. ecco davanti a cotesta ignoranza, fortuna che non ero a quella riunione…. come massacrare un richiamo, lì bene che scatta il maltrattamento animale.

Comunque la Regione ha reagito bene alla lettera, grazie anche ad una ragazza che è in Regione ed è davvero dalla parte dei cacciatori (nomi non ne faccio, ma credetemi è così) e su 3 punti i chiarimenti almeno per 2 sono arrivati e io ne sono ben contento (sulle anatre imbragate, credo che si siano suicidati da soli, quei geni che….).

Comunque la stagione venatoria della stanziale si sta avviando alla sua chiusura e il peggio sarà adesso, dove gli stessi si tramuteranno in “esperti migratoristi” pronti a dar battaglia a qualunque cosa voli (solo per non rientrare in naftalina/cellule dormienti subito per un tot di mesi).
Ps non ce l’ho con voi, ma…..quì si parla sempre di animali immessi (e pagati) e di lepri spostate di continuo…..no comment

La stagione Ungulati è ancora in piena attività, anche se spesso, si trovano già a dicembre/gennaio scrofe gravide ed è una rovina per la stagione successiva.

Poi c’è il mondo migratorista, che aspetta scatti lo stop alle cesene/tordo/beccaccia (anch’essa un migratore) al 20 di gennaio, perchè evidentemente solo nella regione Marche hanno i soldi e le palle per fare un ricorso al TAR e vincerlo… e ridar un po di dignità al mondo venatorio! Non certo come certi ricorsi o chiacchere da bar nei confronti di chi….. voleva usare il telefonino a caccia….. (in Emilia Romagna e in tutte le regioni che, avrebbero…anzi dovevano fare codesto ricorso, dovevano!).
Poi mi dicono che devo stare calmo e usare termini più….. pseudoeducati, no mi dispiace ma davanti a ste cose mi viene proprio da dire che le nostre care associazioni venatorie, si quelle che dovrebbero difendere il nostro mondo, beh stanno dormendo su quel materasso di soldi fatto dai pagamenti delle nostre tessere… ma attenti, come si può smettere di votare per un partito, si può anche iniziare a rinnovare la licenza in una agenzia pratiche auto o per i cazzi nostri…. e dopo….. beh dopo è e sarà un’altra storia e sarei ben lieto di raccontarvela.

Mirco Costa
Presidente Quackers Italia & Irsuto Team

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!


Ogni venerdì mattina riceverai un'email con tutte le novità della settimana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close