Banner Benelli Giugno
Caretta Berlato cacce in deroga

Berlato e Caretta, azione congiunta per chiedere al Governo l’applicazione delle cacce in deroga

Il Consiglio regionale del Veneto, su iniziativa del Capogruppo di Fratelli d’Italia Sergio Berlato ed il Parlamento italiano, su iniziativa dell’on. Maria Cristina Caretta, Capogruppo di Fdi in Commissione agricoltura alla Camera dei Deputati, hanno attivato un’azione congiunta e convergente per chiedere al Governo l’applicazione delle cacce in deroga a partire dalla stagione venatoria 2018/2019, cosi come previsto dall’art. 9 della Direttiva 2009/147/CE e dall’art. 19bis della legge statale n. 157/92.


“Adesso non ci sono più ne’ scuse ne ostacoli” hanno dichiarato congiuntamente sia il Presidente Sergio Berlato che l’on. Maria Cristina Caretta, chiedendo al ministro leghista dell’agricoltura e caccia Gian Marco Centinaio di permettere alle regioni l’attivazione del regime di deroga già dalla prossima stagione venatoria, in difesa delle colture agricole ed a tutela delle cacce tradizionali italiane.

Di fatti, con l’approvazione da parte del Consiglio regionale del Veneto della Mozione n. 353/2018, presentata dai consiglieri Sergio Berlato e Massimiliano Barison e con l’interrogazione n. 4-00522/2018 presentata in Parlamento da parte dell’on. Maria Cristina Caretta, ora spetta solo al Governo consentire alle Regioni che ne hanno fatto regolare richiesta entro il 30 aprile di attivare le cacce in deroga nel rispetto di quanto esplicitamente previsto dall’art. 9 della Direttiva 2009/147/ CE.

Scritto da IoCaccio.it

IoCaccio.it
IoCaccio.it è composto da un team giovane e dinamico, legato da una profonda passione per la caccia e, più in generale, per la natura. Se anche tu sei giovane, e condividi la nostra stessa passione contattaci, per entrare nel Team!

Ti Potrebbe Interessare Anche

Bruzzone candidato

Il Senatore Bruzzone propone la creazione dell’interguppo “Ambiente e attività rurali”

Il Senatore Francesco Bruzzone, vice presidente della Commissione Ambiente a Palazzo Madama, ha scritto a …