Dalle RegioniToscana

Coldiretti Siena: “gli ungulati uccidono l’agricoltura”. Sit in di protesta davanti all’ATC

Gli ungulati “uccidono” l’agricoltura. E’ questo il senso del volantino distribuito ieri, 13 Maggio, dagli agricoltori riuniti sotto l’Ambito Territoriale Caccia di Siena. Il sit in organizzato da Coldiretti Siena è una protesta contro le norme che regolano la caccia a, per esempio, cinghiali e caprioli. Questi, infatti, sono in esponenziale aumento e provocano crescenti danni alle colture.

Pubblicità
 

VOLANTINO PRESIDIO ATC_Layout ok500Alla manifestazione partita alle 15 in Strada di Massetana Romana erano presenti oltre duecento agricoltori da tutta la provincia, qualcuno arrivato con il proprio trattore. All’Atc si sarebbe dovuta tenere la sera stessa la riunione del comitato di gestione per deliberare sull’esame e approvazione della proposta di aumento delle aree vocate alla caccia al cinghiale ma non c’è stato nessun incontro.

Nel 2016, complici il passaggio di competenze dalle Province alla Regione e le nuove disposizioni emanate dal governo regionale, non sono stati realizzati, se non in minima parte, gli interventi di contenimento degli animali. A complicare la situazione, la mancata applicazione della legge obiettivo con cui la Toscana ha dichiarato di voler correre ai ripari contro l’esubero dei selvatici. Il rischio più grave è rappresentato dai cinghiali, responsabili in Toscana dei due terzi dei danni alle colture agricole. Il piano di controllo approvato recentemente dalla Regione non ha modificato sostanzialmente le modalità di gestione di questo ungulato. Il numero di animali presenti sul territorio quindi continuerà a crescere. Con una serie di artifici, infatti, le aree vocate, che avrebbero dovuto essere ridimensionate, sono aumentate, di 1089 ettari nella sola provincia di Siena, con conseguenze che si annunciano drammatiche per gli imprenditori agricoli. Ancora una volta quindi l’agricoltura viene sacrificata sull’altare di una gestione faunistica approssimativa e inefficace. L’equazione più cinghiali meno agricoltura continua a produrre risultati devastanti per il settore che, con l’avanzata della fauna selvatica, vede aumentare la moria di imprese e la scomparsa di realtà importanti per l’economia e il presidio del territorio. Da non sottovalutare anche il pericolo rappresentato dagli ungulati per i cittadini comuni, in quanto è sempre più facile trovarli in aree abitate o su strade trafficate.

Il direttore di Coldiretti Siena Simone Solfanelli ha commentato così l’iniziativa degli agricoltori: “Vogliamo far capire che c’è un malcontento diffuso, incontenibile delle imprese agricole rispetto  a un tema che si affronta ma non si risolve mai. Anzi, la legge ultima del febbraio scorso che avrebbe dovuto aiutarci, sembra che, negli atti amministrativi, stia andando nella direzione opposta. Non è più possibile procrastinare la soluzione della questione. Ormai sta diventando anche un problema urbano, visto che ci sono segnalazioni di cinghiali all’Acqua Calda, in Massetana e quasi tutti i giorni, purtroppo, ci sono incidenti stradali causati da questi animali, dai caprioli e dai daini. Abbiamo bisogno che qualcuno inizi a metterci le mani”.

Il presidente di Coldiretti Toscana Tulio Marcelli, presente al sit in, ha ribadito come l’associazione abbia stilato un documento indirizzato a tutti gli ATC toscani lamentandosi della ripartizione, in quanto dannosa degli agricoltori e contraria agli indirizzi della legge obiettivo.

Fonte Coldiretti Siena

Pubblicità

Vuoi restare aggiornato? Attiva le notifiche!

Scegli le categorie di contenuti che ti interessano e metti i bottoni che trovi qui sotto su ON.



Non visualizzi i bottoni? Leggi qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button