Fauna e AmbienteFedercacciaLombardia

Federcaccia Lombardia presenta il Progetto Lepre

Dopo il progetto cesena, Federcaccia Lombardia presenterà ufficialmente oggi, 4 novembre, il Progetto di gestione conservativa della lepre nelle province di Cremona, Mantova, Pavia e Lodi.

Pubblicità
 

Il progetto è stato sviluppato in collaborazione con lo studio Geco (che si occupa di gestione e pianificazione faunistica, di studi di impatto e incidenza ambientale, di indagini faunistiche e ricerche naturalistiche), ed è finalizzato a migliorare ed aggiornare le conoscenze sullo stato di conservazione della lepre nel territorio lombardo e a valutare le cause che stanno determinando la riduzione numerica della lepre nel nord Italia, per arrivare a proporre pratiche gestionali utili ad aiutare la ripresa di questa specie.

All’incontro sono stati invitati i rappresentanti della Direzione Generale Agricoltura della Regione e degli Uffici Territoriali Regionali, i dirigenti degli Ambiti Territoriali di Caccia delle province interessate, i rappresentati dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna e i membri della vigilanza venatoria della quattro province.

Gli obbiettivi

“Il progetto – si legge nella pagina di presentazione sul sito di Federcaccia Bresciaattraverso azioni pianificate di monitoraggio porterà alla raccolta, con criteri scientifici, di dati relativi all’ambiente, alla demografia e alla ecologia della specie”.

Questi gli obiettivi progettuali:

  • incremento delle conoscenze sulla distribuzione e sulla consistenza delle popolazioni di lepre all’interno dell’Area di progetto e la definizione dei modelli gestionali in uso.
  • caratterizzazione ambientale e faunistica delle Zone di Ripopolamento e Cattura presenti all’interno dell’Area di Progetto, con particolare riferimento alla dinamica della lepre.
  • studio dell’ecologia e della demografia della specie.
  • identificazione dei fattori limitanti di natura ambientale e delle criticità gestionali.
  • definizione di idonee strategie di conservazione e gestione.
Il commento di FIdC

“La lepre è una specie di grande interesse che, in tutto il Nord Italia ha subito un calo di densità. Questo sembrerebbe riconducibile all’alterazione dell’habitat e degli ecosistemi dovuti anche a una intensificazione sempre maggiore delle pratiche agricole. Lo scopo è quello di evidenziare fattori limitanti e criticità, individuando le più opportune linee di intervento per la realizzazione di un modello gestionale razionale, basato su un’efficiente organizzazione territoriale e sullo sfruttamento sostenibile della risorsa faunistica, nel lungo termine.”

“Siamo orgogliosi e soddisfatti che questo progetto entri ora nella fase operativa con la presentazione alle istituzioni e agli ATC – conclude Federcaccia – Starà ora ai cacciatori che verranno formati fare in modo che le grandi energie economiche investite abbiano come risultato un miglioramento della gestione delle popolazioni di lepri”.

Vuoi restare aggiornato? Attiva le notifiche!

Scegli le categorie di contenuti che ti interessano e metti i bottoni che trovi qui sotto su ON.



Non visualizzi i bottoni? Leggi qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button