Dalle RegioniToscana

Toscana, approvati i piani di prelievo per Cinghiale e Capriolo, si inizia il 15 Giugno

Per la caccia di selezione al capriolo inizio previsto per oggi, 15 Giugno, mentre per il cinghiale si potrà cacciare nelle aree non vocate tutto l’anno, ma c’è da attendere il regolamento che sarà predisposto dagli ATC.

Pubblicità
 

E’ questo quanto stabilito dalle due delibere approvate dalla Regione Toscana in data 7 Giugno 2016 che definiscono i piani di prelievo per Cinghiale e Capriolo.

Piano di prelievo 2016/2017 per il Capriolo

Nello specifico la delibera n. 548 del 07-06-2016 definisce il “Piano di gestione e calendario venatorio sulla specie capriolo nelle aree  vocate  e  nei  distretti  e  aziende  faunistiche  della  Regione Toscana  per  l’annata  venatoria 2016-2017” ha validità fino al 15 marzo 2017, e prevede l’avvio della caccia per il 15 giugno 2016. 

In merito ai tempi di prelievo si legge nel pianoFermo restando il silenzio venatorio nei giorni di martedì e venerdì ai sensi dell’art. 1 comma 2 L.R. 3/94, si propone per il capriolo nelle aree di cui al presente piano, per questa fase e annata, la perfetta aderenza ai tempi previsti dalle Linee Guida ISPRA, con l’eccezione del posticipo al 15 giugno dell’inizio del periodo estivo sui maschi, ovvero:

  • maschi adulti e giovani: dal 15 giugno al 15 luglio e dal 15 agosto al 30 settembre 2016
  • femmine: dal 1 gennaio al 15 marzo 2017
  • piccoli: dal 1 gennaio al 15 marzo 2017

Per quanto riguarda l’entità del prelievo, proposta ad ISPRA l’abbattimento di circa 33 mila esemplari a fronte di una popolazione stimata di oltre 178 mila. Prelivo Capriolo Toscana

 
Piano di prelievo 2016/2017 per il Cinghiale

Nella stessa data la Giunta ha approvato anche la delibera n. 546 che definisce il Piano di gestione e calendario venatorio sulla specie cinghiale nelle aree non vocate della Regione Toscana periodo 2016-2018 e il “Piano annuale di prelievo per il cinghiale nella aree non vocate, per Comprensorio, e calendario per l’anno 2016

Per quanto riguarda i tempi di prelievo si legge nel piano: il periodo di prelievo selettivo consentito nelle aree non vocate è compreso tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre. Gli ATC possono sospendere tale attività nelle aree non vocate incluse nel territorio a caccia programmata, o in parti di esse, durante il periodo della caccia in braccata effettuata nelle aree vocate di ciascun Comprensorio, definito nel calendario venatorio annuale per tale specie. Nell’eventuale periodo di sospensione del prelievo selettivo, nelle aree non vocate gestite dagli ATC, è comunque consentita la caccia al cinghiale in forma singola alla cerca o con la tecnica della girata, da tutti i cacciatori iscritti all’ATC o dai cacciatori autorizzati negli istituti privati.”  Per l’entrata in vigore ci sarà però da attendere l’approvazione da parte degli ATC del regolamento di attuazione del prelievo selettivo.

Per il 2016 in totale previsto l’abbattimento nelle aree non vocate di circa 24 mila esemplari.

Senzanome

Consulta e scarica tutti i file relativi ai piani di prelievo a questo link

Pubblicità
Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button