Dalle RegioniToscana

Toscana, arriva l’App per smartphone che sostituirà il Tesserino Venatorio

Si chiama “TosCaccia” l’applicazione per smartphone sviluppata dalla Regione Toscana, già scaricabile da alcuni giorni, che gradualmente sostituirà il vecchio tesserino venatorio cartaceo, per la annotazione delle giornate di caccia, dei capi abbattuti e nelle procedure di registrazione della mobilità venatoria. “Al momento l’utilizzo della app – ha spiegato la Regione – è facoltativo e in questa prima fase i cacciatori dovranno comunque ritirare quello cartaceo”.

Pubblicità
 
Si dovrà scegliere tra app e tesserino cartaceo

L’utilizzo di TosCaccia, infatti, non è obbligatorio: i cacciatori toscani, entro il 10 ottobre 2017, dovranno scegliere se continuare ad utilizzare il tesserino venatorio cartaceo tradizionale oppure scaricare l’app ed utilizzarla al posto del tesserino cartaceo.

Sarà comunque consentito l’utilizzo della app anche dopo il 10 ottobre per i cacciatori che non hanno effettuato uscite di caccia dal 17 settembre 2017 fino alla data di inizio di utilizzo della App (ad esempio, i nuovi cacciatori o chi ha ritirato il tesserino in data successiva all’apertura generale della caccia). Tuttavia, una volta effettuata la scelta, l’utilizzo di una delle due modalità è vincolante ed esclusiva, per tutta la stagione di caccia (sino al 31 agosto dell’anno successivo) e non potrà essere cambiata.

In entrambi i casi, in questa prima fase, il tesserino cartaceo dovrà comunque essere ritirato e conservato durante la caccia assieme agli altri documenti, a disposizione della vigilanza. In caso di controllo il cacciatore che ha scelto di utilizzare l’app dovrà esibire le pagine riepilogative (‘statistiche della stagione’) relative alla giornata di caccia in corso e alle giornate effettuate in precedenza.

Un’opportunità per la gestione faunistica

“Il tesserino digitale, rappresenta una grande innovazione nella gestione e conoscenza da parte della Regione, in tempo reale, dell’entità dei prelievi su ciascuna specie” ha sottolineato la Regione. Infatti, la scelta della Toscana (prima Regione in Italia ad aver applicato questa nuova possibilità) consentirà all’amministrazione regionale di avere immediato accesso ai dati d’abbattimento, che potranno essere velocemente utilizzati per migliore la gestione faunistico venatoria, anche attraverso la valutazione della sostenibilità del prelievo.

Di seguito alcune immagine dell’applicazione TosCaccia.

Vuoi restare aggiornato? Attiva le notifiche!

Scegli le categorie di contenuti che ti interessano e metti i bottoni che trovi qui sotto su ON.



Non visualizzi i bottoni? Leggi qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button