Dalle RegioniToscana

Toscana, bocciata in consiglio la norma salvagestione

In Toscana il Consiglio Regionale non ha approvato la norma ribattezzata “salvagestione“, ossia quella proposta di legge fatta per sanare la bocciatura della corte Costituzionale sull’organizzazione degli Ambiti territoriali di caccia.

Pubblicità
 

L’assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi commentata così la mancata approvazione: Dispiace dover fare i conti con questo atteggiamento meramente ostruzionistico delle opposizioni che creerà disagi reali nelle prossime settimane e rischia di bloccare, oltre ai rimborsi, anche l’attività di contenimento della presenza degli ungulati che faticosamente le Atc stanno portando avanti“.

Mi impegno – ha evidenziato l’assessore – a portare nella prossima giunta la proposta di legge affinché sia calendarizzata ed approvata nella prossima seduta del Consiglio».

Di seguito il commento della Confederazione Cacciatori Toscani.

CCTlogoNO DELLE MINORANZE, NORMA “SALVAGESTIONE” BOCCIATA IN CONSIGLIO REGIONALE. CACCIA E DIFESA DELLE COLTURE AGRICOLE A RISCHIO CAOS

Fumata nera in consiglio regionale per la norma transitoria approntata per sanare il vuoto legislativo conseguente alla bocciatura della legge regionale sugli ATC da parte della Corte costituzionale: un fatto di inaudita gravità che mette adesso a serio repentaglio le attività di gestione della fauna, a partire da quelle di prevenzione e risarcimento dei danni alle colture agricole fino a quelle indispensabili per lo svolgimento dell’attività venatoria.

Un irresponsabile gioco al massacro che ha per protagoniste le opposizioni (Cinque Stelle, Fratelli d’Italia, Leganord, Sinistra Italiana, Forza Italia), poco preoccupate del bene comune e intente a dar fiato e voce alle richieste delle proprie clientele: l’approvazione del provvedimento proposto nella seduta odierna è stata infatti subordinata all’accettazione di un emendamento finalizzato ad aumentare il numero dei componenti degli ATC per dare poltrone alla propria corte di “questuanti”; una richiesta a suo tempo perorata dalla Liberacaccia e motivatamente già respinta.

Una manfrina vergognosa che rischia adesso di gettare nel caos la gestione delle molteplici ed indispensabili attività, cui attendono gli ATC, a partire da quelle necessarie per la tutela delle produzioni agricole e per finire a quelle dell’organizzazione della caccia; un comportamento inqualificabile e di cui gli affossatori della norma, i politici ed i loro clientes , si assumono tutte le responsabilità; un no pronunciato non solo contro i cacciatori ma anche contro gli agricoltori e le loro associazioni che avevano con forza richiesto questo intervento.

La sollecitazione è adesso che il provvedimento venga comunque approvato dal Consiglio al più presto e che l’Amministrazione regionale assuma subito ogni atto necessario a garantire continuità della gestione e delle funzioni amministrative.

Firenze, 8 giugno 2016

Confederazione Cacciatori Toscani
Federcaccia – Arcicaccia – ANUU

Fonte Toscana Notizie

Vuoi restare aggiornato? Attiva le notifiche!

Scegli le categorie di contenuti che ti interessano e metti i bottoni che trovi qui sotto su ON.



Non visualizzi i bottoni? Leggi qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button