Dalle RegioniUmbria

Umbria, approvato il calendario venatorio 2017/2018

La proposta di calendario venatorio 2016/2017 preadottata nei giorni scorsi dalla Giunta regionale dell’Umbria è stata approvata ieri dalla terza Commissione dell’Assemblea, che a respinto le proposte di modifica avanzate da Federcaccia, Enalcaccia, Arcicaccia e Anuu. Invece, una petizione firmata da 394 cittadini, con cui si chiede di adottare un’apertura unica al 17 settembre per tutte le specie, è stata rimandata alla Giunta per le valutazioni conseguenti.

Pubblicità
 
Le proposte di modifica e la petizione

Alla Commissione sono pervenute osservazioni dalle Associazioni Venatorie che hanno espresso “soddisfazione per il documento elaborato” richiedendo, però, alcune modifiche relative alla “chiusura della caccia alla quaglia, da riportare al 31 dicembre, e dei carnieri, portando a 50 capi per la quaglia e a 10 capi per l’allodola”.

Alla Commissione è anche pervenuta una petizione con 394 firme, che chiede alla Regione di “adottare un’apertura unica a tutte le specie cacciabili a partire dal 17 settembre 2017 e per alcune specie valutare la possibilità di un prolungamento del prelievo venatorio fino al 10 febbraio 2018 esclusivamente da appostamento. E per quanto riguarda il cinghiale, visto il regolamento regionale che ne disciplina la gestione, andrebbe predisposto un calendario che interferisca il meno possibile con le altre forme di caccia e che la presenza ed il prelievo venga ricondotta in un quadro di compatibilità ambientale e faunistica”

Il commento dell’Assessore Cecchini

“Il calendario” – ha sottolineato l’assessore regionale Fernanda Cecchini – “è stato condiviso con la consulta venatoria e sottoposto a Ispra, che ha dato il via libera. Ci sono poche differenze rispetto al calendario degli anni precedenti che già rispecchiava le richieste dei cacciatori, le cui associazioni in 4 casi su 5 avanzano solo richieste di modifica molto marginali. Nel documento predisposto abbiamo tenuto conto delle indicazioni e delle direttive europee, per evitare ogni possibile impugnativa. Quindi non riteniamo di dover modificare la chiusura della quaglia (che a dicembre non c’è comunque) e neppure i carnieri. Per quanto riguarda la petizione, non pensiamo ci siano motivi per modificare le preaperture, unificando tutte le aperture mentre non è chiaro come ci si chiede di intervenire sulla caccia al cinghiale”.

A questo link potete consultare il testo integrale approvato in via definitiva del calendario venatorio 2017/2018 dell’Umbria.

Fonte Regione Umbria

 

Vuoi restare aggiornato? Attiva le notifiche!

Scegli le categorie di contenuti che ti interessano e metti i bottoni che trovi qui sotto su ON.



Non visualizzi i bottoni? Leggi qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button