Dalle RegioniVeneto

Berlato punta ad introdurre la mobilità venatoria in Veneto

Il consigliere regionale veneto Sergio Berlato, continua la sua azione politica in difesa dell’attività venatoria e dei cacciatori: dopo aver risolto definitivamente il problema degli appostamenti ad uso venatorio e dopo aver presentato due proposte di legge, una per ripristinare la naturalità del territorio agricolo e l’altra per introdurre nella legislazione nazionale il reato di disturbo dell’attività venatoria, ora punta a introdurre la mobilità venatoria in Veneto.

Pubblicità
 

Ha, infatti, presento in Terza Commissione un emendamento con cui propone modifiche all’art. 14 della legge regionale sulla caccia, la 50/93.  Le modifiche proposte prevedono che:

  • il cacciatore che ha optato per la forma di caccia da appostamento fisso possa disporre di 15 giornate di caccia in forma vagante alla selvaggina migratoria, a partire dalla prima domenica di ottobre, limitatamente agli ATC e CA del Veneto in cui risulta iscritto.
  • il cacciatore che ha optato per le forme di caccia vagante possa disporre, a partire dalla prima domenica di ottobre, di 30 giornate di caccia alla caccia alla selvaggina migratoria in tutti gli ATC del Veneto, con esclusione della Zona Faunistica delle Alpi e del Territorio Lagunare e Vallivo.

La modifiche prevedono, inoltre, che l’unico adempimento che il cacciatore dovrà compiere per usufruire della mobilità venatoria in Veneto è quello di cerchiare in modo indelebile sul tesserino venatorio, ad inizio della giornata venatoria, la giornata di caccia utilizzata in deroga all’opzione prescelta.

Consulta il testo integrale dell’emendamento

Vuoi restare aggiornato? Attiva le notifiche!

Scegli le categorie di contenuti che ti interessano e metti i bottoni che trovi qui sotto su ON.



Non visualizzi i bottoni? Leggi qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button