CampaniaDalle Regioni

Campania, nasce il Coordinamento Regionale delle Associazioni Venatorie riconosciute

In Campania, i Presidenti regionali delle Associazioni Venatorie riconosciute, Luca Parillo (Libera Caccia), Cesare Serino (ANUU), Sergio Sorrentino (ArciCaccia), Francesco Pascarella (Enalcaccia), Filippo Venditti (EPS), Antonio Ricciardi (Federcaccia) e Francesco Barba (Italcaccia) hanno costituito il primo Coordinamento regionale delle associazioni venatorie nazionali.

Pubblicità
 

“Dalla Campania – si legge nel comunicato a firma congiunta diffuso dalle AAVV campane – si vuol far partire un messaggio forte alle Regioni Meridionali di sostegno ad un percorso unitario che possa avere una verifica entro un anno per allargare le relazioni unitarie nazionalmente e nel paese del mondo venatorio italiano. Con un po’ di orgoglio e umiltà vogliamo sperimentare e mettere a disposizione della caccia il nostro lavoro.

“Occorre riconquistare consensi alla caccia nella società e verso le future generazioni per fermare il calo dei cacciatori – continua il comunicato – Questo si ottiene non arretrando ma sostenendo le posizione dei cacciatori argomentandole in modo forte e credibile con il supporto della conoscenza e delle istituzioni scientifiche depurando la discussione da ideologie e fanatismo.

Calendario venatorio regionale 2017/2018

Prima iniziativa e banco di prove del lavoro unitario, è stato il calendario venatorio regionale: tutti i corpi sociali delle Associazioni Venatorie campane hanno partecipato alla stesura delle proposte migliorative, arrivando alla definizione della proposta finale di calendario 2017/2018.

Gli obiettivi del Coordinamento

Fra gli obiettivi che si pone il Coordinamento c’è l’impegno a “rafforzare la collaborazione tra ATC, Associazioni Venatorie, organizzazioni imprenditoriali agricole, il cui contributo alle soluzioni dei problemi della caccia è fondamentale e corre il dovere per il coordinamento costruire le condizioni per un tavolo permanente di confronto. Aiuterà questo percorso – conclude il comunicato – la capacità di produrre studi e ricerche per un serrato confronto con il mondo ambientalista che sia disposto a superare le pregiudiziali fondamentaliste e prive di ogni razionalità contro la caccia. Anche queste proposte unitarie per il calendario venatorio 2017, vogliono consolidare l’inattaccabilità e la certezza della stagione venatoria conquistata per merito dei cacciatori campani in questi anni”.

Photo Credit John Penny (license)

Vuoi restare aggiornato? Attiva le notifiche!

Scegli le categorie di contenuti che ti interessano e metti i bottoni che trovi qui sotto su ON.



Non visualizzi i bottoni? Leggi qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button