Dalle AssociazioniFedercacciaUmbria

Federcaccia Umbra critica alcuni punti del Calendario Venatorio 2016-2017

Vi riportiamo di seguito il comunicato di Federcaccia Umbra che si dice perplessa su alcuni punti del Calendario venatorio regionale 2016/2017 recentemente approvato e preoccupata dal “livello di attenzione che l’assessore nutre nei confronti di chi rappresenta istituzionalmente il mondo venatorio”.

Pubblicità
 
federcaccia umbra logoCALENDARIO VENATORIO 2016-17: FEDERCACCIA UMBRA DELUSA SU ALCUNI PUNTI

L’approvazione, da parte della giunta regionale, del calendario venatorio 2016-17 avvenuta venerdì 10 giugno lascia, su alcuni punti, perplessa la Federcaccia regionale. Sul testo preadottato dalla giunta l’associazione aveva dato una positiva valutazione, segnalando e richiedendo comunque alcune variazioni per migliorarlo ed eliminare alcune incongruenze. Per esempio avevamo chiesto l’eliminazione dell’addestramento cani il 4 e 11 settembre, in quanto giorni di attività venatoria. Le richieste di modifica sono state illustrate nell’audizione della terza commissione, posta in essere correttamente dal presidente dottor Attilio Solinas e, a quanto ci risulta, approvate. Invece ci ritroviamo con:

  • Una settimana in meno per la caccia di selezione ai cervidi (nella bozza preadottata era fissata la data di inizio al 19 giugno, ora è il 26)
  • Una giornata in meno per la caccia alla lepre (inizialmente la chiusura era indicata al 12 dicembre, ora l’11. Ma nessuna norma stabilisce che l’attività venatoria inizi o termini di domenica, ad eccezione dell’apertura generale che la legge quadro nazionale indica alla terza domenica di settembre)
  • I giorni 4 e 11 settembre continuano ad essere aperti all’addestramento cani, malgrado siano giorni di caccia. Come Federcaccia avevamo chiesto di sostituirli con il 28 agosto e il 3 settembre.

Certo, le modifiche richieste e non accolte non stravolgono l’impianto generale del calendario venatorio, ma dimostrano – a nostro avviso – il livello di attenzione che l’assessore nutre nei confronti di chi rappresenta istituzionalmente il mondo venatorio. Un livello di attenzione che stiamo riscontrando con preoccupazione anche in altre occasioni. Ci si preoccupa di ascoltare singoli soggetti, portatori di interessi personali, spesso in contrasto con una visione più generale della politica venatoria. Potrebbe essere proprio questa, temiamo, una delle cause del fatto che l’assessore si sia astenuta dall’affrontare problematiche molto più importanti del calendario venatorio, che di seguito elenchiamo:

  • Manca una soluzione positiva alla vicenda della polizia provinciale: chi svolge adesso l’attività di controllo ittico-venatorio?
  • A che punto è la revisione della legge regionale 14/94 dopo l’acquisizione delle deleghe della caccia dalle Province?
  • A che punto è la revisione dei regolamenti sugli appostamenti fissi? E sugli istituti privati? Ricordiamo che le concessioni per le aziende agrituristico e faunistico-venatorie sono state prorogate tutte al prossimo 31 dicembre. Federcaccia ha più volte richiesto un tavolo di confronto sull’argomento senza mai, ad oggi, ricevere risposta dalla Regione.

E’ su queste problematiche, e su di una concreta politica di gestione della piccola selvaggina nobile stanziale, che ci piacerebbe tastare il polso della sensibilità dell’assessore nei confronti del nostro mondo.

Ufficio Stampa Federcaccia Umbra 

Vuoi restare aggiornato? Attiva le notifiche!

Scegli le categorie di contenuti che ti interessano e metti i bottoni che trovi qui sotto su ON.



Non visualizzi i bottoni? Leggi qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button