Dalle RegioniPuglia

Puglia, approvato il prelievo in deroga dello storno

La regione Puglia ha approvato ieri il prelievo in deroga dell storno, che potrà essere effettuato fino al 14 gennaio 2018 da parte di operatori abilitati con carniere massimo giornaliero e stagionale rispettivamente di 10 e 30 capi.

Pubblicità
 
Il commento di Leonardo di Gioia

Lo ha reso noto l’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo di Gioia, che spiega: “la Giunta regionale ha, difatti, approvato l’autorizzazione al prelievo di una specie che è un oggettivo pericolo per le colture, specie olivicole e orticole, come già verificatosi in diverse aree della nostra regione, in particolare nelle zone tra Bari e Brindisi. Si tratta di un atto che raccoglie, di fatto, le istanze delle organizzazioni di categoria, anche alla luce di studi e monitoraggi sul campo”.

“Il prelievo in deroga – prosegue – ha l’obiettivo di difendere il paesaggio e tutelare le produzioni agroalimentari: la caccia è autorizzata nella Area della Piana olivetata litoranea tra le province di Bari e Brindisi e in tutte le altre aree regionali olivetate caratterizzate dalla concomitante presenza di storni. Il prelievo, da effettuare da parte di operatori autorizzati e regolarmente iscritti agli ATC, è concesso per un massimo di 10 capi giornalieri e per un limite massimo stagionale di 30″.

“Il provvedimento è necessario e ha il fine ultimo di tutelare i nostri agricoltori, specie adesso, a ridosso della campagna olearia, sì da non compromettere le colture e il prodotto finale”.

60 giorni di attesa

Per il via del prelievo c’è però ancora da attendere, infatti, la Regione ha sottolineato che l’autorizzazione avrà validità solamente a partire dal 60° giorno dalla pubblicazione sul Burp, tempo utile al Ministero per eventuali osservazioni o ratifiche.

Vuoi restare aggiornato? Attiva le notifiche!

Scegli le categorie di contenuti che ti interessano e metti i bottoni che trovi qui sotto su ON.



Non visualizzi i bottoni? Leggi qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button