AA.VV. piemontesi sul divieto di caccia a Pernice Bianca, Lepre Variabile e Allodola

A seguito della notizia dell’introduzione del divieto di caccia a Pernice Bianca, Lepre Variabile e Allodola, vi riportiamo il seguente comunicato congiunto delle Associazioni Venatorie piemontesi

Pubblicità  

Il mondo venatorio piemontese, rappresentato dalle scriventi Associazioni riconosciute (l.157/92), esprime sconcerto e profondissimo disappunto per l’incomprensibile decisione assunta dalla Giunta regionale di vietare la caccia a pernice bianca, lepre variabile ed allodola su tutto il territorio della Regione Piemonte.

Tutto ciò è avvenuto proprio mentre negli stessi uffici veniva presentato il disegno di legge regionale sulla caccia, quasi in spregio alla volontà precedentemente dichiarata dall’Assessore di cercare accordi e collaborazione con il mondo venatorio, ma specialmente in assoluto disprezzo delle più elementari regole democratiche e norme di trasparenza, dimostrando così la classe politica piemontese di ignorare ben tre sentenze del Tribunale Amministrativo Regionale, che avevano dichiarato del tutto legittimo il prelievo venatorio alla pernice bianca.

Continua così l’infausta stagione piemontese, inaugurata lo scorso anno con limitazioni e divieti a raffica per i cacciatori subalpini, unici in tutta Italia, e sempre caratterizzata dall’assenza di un vero confronto democratico con il mondo venatorio, nonché dalla mancata concertazione su aspetti fondamentali della gestione del territorio della nostra Regione.

Le Associazioni Venatorie riconosciute, a rappresentanza della grandissima maggioranza dei cacciatori piemontesi, prendono nettamente le distanze da questo bizzarro metodo di gestire la materia, annunciando che nulla sarà lasciato d’intentato per sanare il gravissimo vulnus di democrazia prodotto dalla decisione della Giunta, ed utilizzando per tutto ciò qualsivoglia strumento messo a nostra disposizione da leggi e regolamenti, arrivando, fosse ritenuto indispensabile o necessario, a chiedere tutela nelle sedi opportune.

I cacciatori piemontesi meritano rispetto, e presto li chiameremo a raccolta per chiederlo tutti assieme, con forza ed un’unica voce.

I Presidenti Regionali:
Antonio Cardillo (ANUU Migratoristi)
Bruno Morena (Federcaccia Piemonte)
Fabrizio Lenzi (Enalcaccia)
Matteo Viglietta (E.P.S.)
Giovanni Gallinaro (A.N.L.C.)

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!


Ogni venerdì mattina riceverai un'email con tutte le novità della settimana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button