Dalle AssociazioniEPS

Calendario Venatorio Campania, le modifiche proposte da EPS

Dopo la diffusione della bozza di calendario venatorio 2017/2018 della Regione Campania, l’Associazione venatoria EPS ha avviato un confronto online con i cacciatori campani, per raccogliere suggerimenti e proposte da sottoporre all’attenzione della Regione per apportare modifiche migliorative al calendario venatorio. Di seguito vi riportiamo il comunicato con cui EPS Campania riassume tutte le proposte ricevute.

Pubblicità
 

EPSEPS CAMPANIA: ECCO I PRIMI DATI EMERSI DAL CONFRONTO PUBBLICO SUL CALENDARIO VENATORIO 2017/18

L’Eps Campania in quanto portatore di interessi comuni e collettivi, quest’anno, nell’ottica di avere un calendario venatorio sempre più sostenibile ed a tutela di tutte le forme di caccia previste dalla normativa vigente, ha proposto, a seguito della bozza inviataci dalla Regione Campania con nota dell’ 8 marzo 2017, un singolare confronto pubblico con i diretti interessati.

Dal giorno 13 e fino al giorno 16 marzo, sono state recepite tutte le osservazioni, che i cittadini cacciatori della Regione Campania, hanno ritenuto utili fornire, allo scopo di acquisire eventuali proposte migliorative e/o suggerimenti utili.

I mezzi utilizzati per l’invio dei suggerimenti sono stati tramite la pagina Facebook del Nostro Ente e tramite i contatti WhatsApp. Eps Campania, successivamente, si è fatta carico di sintetizzare le proposte ricevute, in un unico documento di sintesi da presentare agli organi competenti e a tutte le associazioni venatorie regionali.

Fra tutti i suggerimenti intervenuti, si manifesta fortemente la volontà di avere un calendario venatorio molto equilibrato, infatti a più voce, si chiede la conferma sostanziale di quanto già raggiunto nella passata stagione venatoria. Con un pizzico di rammarico, magari risolvibile, con la chiusura delle due specie di tordi al 31 gennaio. Molta attenzione è stata data pure al colombaccio. Molte le richieste per la quaglia in pre-apertura, magari fosse possibile !!!

Emerge poi, qualche perplessità per la terza giornata di caccia al cinghiale (il sabato) da parte dei cacciatori di beccacce, i quali, si vedono sempre più ristretto il proprio territorio venabile di azione (i boschi). D’altro canto proprio sulla caccia al cinghiale, si evincono e si evidenziano due interessanti argomentazioni: la prima quella di prevedere nel calendario venatorio anche la forma di caccia con la tecnica della girata, la seconda, come comportarsi nel caso in cui un cacciatore singolo, in periodo consentito, abbatta un cinghiale.

Per quanto riguarda l’addestramento cani, pur confermando quanto previsto nella norma di riferimento, si chiede che venga espressamente riportato con le date di inizio e di fine, sul calendario venatorio, l’arco temporale dell’eventuale anticipo dei quarantacinque giorni previsti, rispetto alla data dell’apertura.

Ma veniamo alla sintesi delle proposte di modifica, tenuto conto del principio di precauzione in combinato disposto con la Guida per la stesura dei calendari venatori e con il documento di Valutazione tecnico-scientifica degli studi prodotti dalle regioni italiane sulla fenologia di migrazione dell’avifauna di interesse venatorio:

Pre-apertura:

  • Tre giornate di pre-apertura alla sola Tortora nei giorni 2-4-6 settembre 2017
  • Cinque giornate di pre-apertura alla sola Gazza e Ghiandaia nei giorni 2-4-6-10-13 settembre 2017

Apertura:

  • Anticipo della caccia al Colombaccio alla terza domenica di settembre (17 settembre) fino al 31 gennaio 2018. Poi dal 1 febbraio 2018 al 10 febbraio 2018 solo in appostamento temporaneo senza l’ausilio del cane, con l’obbligo di raggiungere e lasciare il sito con arma scarica in custodia.
  • Anticipo della caccia alla Lepre alla terza domenica di settembre (17 settembre)
  • Apertura unica al 1 ottobre 2017 e chiusura unica al 10 febbraio 2018 per: Gazza, Ghiandaia e Cornacchia G.
    Inoltre, in presenza di dati tecnico-scientifici ufficiali a supporto, variare l’arco temporale così:
  • Chiusura al 20 gennaio 2018 per: Cesena e Beccaccia, per questa ultima specie, il carniere giornaliero massimo sarà di: 3 capi fino al 31 dicembre, dal 1 gennaio al 10 gennaio 2 capi giornalieri e dall’ 11 gennaio al 20 gennaio 1 capo giornaliero.
  • Chiusura al 31 gennaio 2018 per Tordo B. con la seguente limitazione dall’11 gennaio 2018 al 31 gennaio 2018 con carniere giornaliero ridotto a 10 capi per giornata. In subordine, la chiusura al 20 gennaio 2018 come nella precedente stagione venatoria.
  • Chiusura al 31 gennaio 2018 per: Tordo S. Beccaccino e Frullino, per queste ultime due specie solo in caccia vagante, come nella precedente stagione venatoria.
  • Chiusura unica agli acquatici al 31 gennaio 2018, dal 21 gennaio solo in appostamento temporaneo senza l’ausilio del cane, con l’obbligo di raggiungere e lasciare il sito con arma scarica in custodia.

Caccia al cinghiale:

Riportare le giornate di caccia da tre a due settimanali (giovedì e domenica) per tutto il mese di novembre e dicembre. Inserire: Oltre alla forma di caccia con la tecnica della battuta o braccata, è consentita anche la forma di caccia con la tecnica della girata o cacciarella. Al cacciatore singolo, durante il periodo di caccia al cinghiale, in casi eccezionali, è sempre consentito l’abbattimento.

Addestramento cani:

Tali attività sono consentite nell’arco temporale compreso, dal 10 agosto al 16 settembre, ad esclusione del martedì e venerdì, in aree circoscritte, dopo aver accertato l’assenza di esemplari di fauna selvatica in fase di nidificazione o di dipendenza della prole dai genitori.

IN ELENCO SONO TUTTE LE PROPOSTE PERVENUTECI:

Proposta azzardata del Tordo bottaccio, al 31 gennaio visto che da noi si può sparare qualche colpo solo in gennaio magari da appostamento
M.S.
Va bene ma penso bisogna sostituire senza l’ausilio del cane, con l’ausilio del solo cane da riporto in quanto uccidere e non recuperare un selvatico non è bello
M.S.
A max 10 esemplari per il periodo 10 gennaio 31 gennaio M.S.

Lasciare il calendario dell’anno scorso solo col Tordo bottaccio fino al 31 gennaio E.A.

Anticipare l’apertura al Colombaccio alla terza domenica di settembre E.A.

Anticipare l’apertura del Colombaccio alla terza domenica di settembre M.P.

Anticipare le giornate di pre-apertura a 2-4-6-10-13 M.V.

Riportare la Quaglia in pre-apertura M.B.

Posticipare la chiusura del Tordo sassello al 10 febbraio G.I.

Chiudere la caccia come una volta al 20 marzo G.I.

Chiudere la Beccaccia al 20 gennaio come nel calendario passato F.C.

Anticipare la caccia alla Lepre alla terza domenica di settembre R.A.

Anticipare la chiusura alla Beccaccia al 31 dicembre D.R.

Portare la caccia ai Corvidi al 10 febbraio M.V.

Lasciare la Cesena al 10 gennaio e solo Tordo bottaccio e Tordo sassello al 31 gennaio A.G.

Chiudere la caccia alla Beccaccia al 31 gennaio magari riducendo per ogni decade di gennaio il carniere giornaliero da 3 prima decade a 2 seconda decade ad 1 terza decade
E.G.

Chiudere la caccia al Beccaccino ed al Frullino al 31 gennaio M.V.

Chiudere gli acquatici al 31 gennaio F.N.

Chiudere gli acquatici al 20 marzo G.I.

Ridurre le giornate di caccia al cinghiale nei mesi di novembre e dicembre per consentire ai cacciatori di beccacce di non aver eccessivi problemi
F.C.
Tenere aperto nel mese di gennaio la caccia ai cinghiali anche per un giorno a settimana S.S.

Inserire la girata per la caccia al cinghiale A.G.

Ridurre il numero dei componenti per la caccia alla braccata C.S.

Aprire tre giornate in pre-apertura al Colombaccio M.P.

Aprire in pre-apertura tre giornate pure al Merlo G.T.

Aprire in pre-apertura cinque giornate a quaglia D.R.

Chiudere la quaglia al 30 novembre G.A.

Confermare il calendario della scorsa annata venatoria L.P.

Aprire la caccia alla Volpe la terza domenica di settembre I.F.

Aprire al Cinghiale il primo novembre e chiudere il 31 gennaio G.P.

Aprire l’addestramento cani al 10 agosto G.C.

Anticipare l’apertura al Colombaccio alla terza domenica di settembre A.E.

Anticipare l’apertura del Colombaccio alla terza domenica di settembre P.M.

Chiudere la caccia al Beccaccino ed al Frullino al 31 gennaio G.S.

Chiudere gli acquatici al 31 gennaio G.S.

Portare a 5 le giornate di pre-apertura a Tortora dal 2 settembre in poi V.M.

Chiudere a Tordo B. e Tordo S. al 31 gennaio G.D.

Chiudere la Beccaccia al 31 dicembre P.L.

Aprire il primo settembre e chiudere il 31 gennaio per tutte le specie A.D.

Aprire la quaglia il 2 settembre e chiudere il 30 novembre A.F.

Chiudere il Tordo bottaccio al 31 gennaio A.G.

Chiudere il Tordo sassello al 10 febbario A.I.

Aprire la caccia al cinghiale il 15 ottobre e chiuderla il 15 gennaio N.G.

Aprire il Tordo bottaccio il 10 ottobre e chiudere il 31 gennaio E.A.

Confermare il calendario della passata annata venatoria G.C.

Aumentare il carniere per l’Allodola A.P.

Eliminare i divieti nelle aree Sic e Zps A.R.

Tenere a due giornate a settimana la caccia al Cinghiale C.F.

Aprire il 2 settembre a quaglia, tortora, colombaccio G.S.

Chiudere gli acquatici al 10 febbraio G.S.

Anticipare l’apertura per la Lepre al 17 settembre A.I.

Chiudere il Tordo bottaccio al 31 gennaio F.G.

Chiudere il Tordo sassello al 31 gennaio E.G.

Anticipare l’apertura al Colombaccio G.V.

Chiudere il cinghiale al 31 gennaio N.G.

Chiudere la caccia alla Starna perché non sono stati fatti i ripopolamenti P.V.

Inserire la girata e consentire al cacciatore singolo di poter abbattere un cinghiale G.C.

2-6-9-settembre: Tortora
2-6-9-10-14 settembre: gazza-cornacchia g.-ghiandaia e colombaccio
terza domenica di settembre fino al 31.1.2018 tutti gli acquatici, beccaccino,frullino
terza domenica di settembre al 31 ott. Quaglia
I° Ott. Al 31 Ott.: Tortora
I° Ott. al 30 Novembre: Allodola
10 ottobre al 10 Febbraio Colombaccio,gazza,cornacchia,ghiandaia
20 Ott. al 31 gennaio: Tordo B. Tordo S. Cesena e Beccaccia
Terza domenica di Sett. al 10 febbraio Fagiano ( stanziale )
……. se solo voleste,nel nostro interesse,lo potete fare…….senza gridare allo scandalo
L.B.D.F.

Vanno bene tre giornate a settimana per il cinghiale, solo due fisse per la battuta ed una fissa per la girata. Poi, il cacciatore singolo che si trova nel periodo di caccia aperta al cinghiale, lo può abbattere???? sono anni che lo chiediamo…..
A.L.

Confermate le date del calendario passata stagione venatoria, con l’anticipo del colombaccio solo nelle giornate di pre-apertura e la chiusura del tordo bottaccio al 31 gennaio

Stabilite nel calendario venatorio la data di inizio e la data di chiusura dell’ addestramento cani, sono quattro cinque anni che non si capisce mai, quando inizia e quando finisce….

Inserite i tre giorni fissi a settimana mercoledi sabato domenica cos i bracconieri e i postaioli restano a casa
C.S.

In virtù dell’ emergenza cinghiali io sono favorevole per le tre giornate settimanali ma con l’ obbligo della tabellazione preventiva almeno dal giorno precedente la battuta della zona prescelta, fermo restante le altre regole in vigore .
Per quanto riguarda gli uccelli nocivi, gazza, cornacchia, cornacchia grigia e ghiandaia , sarei dell’ opinione che la cacciabilità possa avvenire dalla preapertura e fino alla chiusura generale .
Per la salvaguardia della beccaccia e dei beccacciai, oltre alle regole già note aggiungerei che ” solo i possessori e praticanti la caccia con cane da ferma” la possono cacciare , per evitare che chiunque con la posta possa sfavorire i beccacciai. Quest’ ultima è molto utopistica, me ne rendo conto, ma io ci proverei .
Il beccaccino lo lascerei come l’ annata scorsa , tanto per tenere sia il cane che il cacciatore in allenamento
F.C.

Complimenti per questa iniziativa, che consente ai cacciatori di formulare proposte aggiuntive al Calendario venatorio.
A tal proposito colgo l’occasione di esprimere qualche mia idea in merito.
1) Zone addestramento cani : quelle individuate vanno benissimo. Si tratta di modificare la norma che prevede l’obbligo del consenso del proprietario terriero.
2) Incentivare il turismo venatorio nei parchi regionali per creare un indotto economico nelle zone montane.
3) Attuare le ZRC per tentare di ridurre o limitare l’acquisto di selvaggina dall’estero i cui costi stanno lievitando sempre di più.
R.A.

Si propone di confermare il calendario dell’anno scorso con l’apertura alla lepre la terza domenica di settembre e chiusura il 15 dicembre

Dai vari studi fatti si propone di portare tordi e beccacce alla fine di Gennaio, mi sembra proprio che da come stanno le cose attualmente scusanti davanti a studi scientifici chiari e pratici non ce ne siano.

Si propone di confermare il calendario dello scorso anno con l’unica variazione di portare il colombaccio nelle giornate di pre-apertura
A.G.

Perchè non inserire le date di inizio addestramento cani direttamente sul calendario ?
G.S.
Inserire la quaglia e il colombaccio in preapertura e chiudere tordo bottaccio e beccaccia al 31 gennaio. Non è possibile che in altri stati, come la Spagna, la Grecia e la Francia, il tordo si possa cacciare anche a febbraio inoltrato. I dati scientifici della migrazione pre nuziale sono chiarissimi e dimostrati, quindi basta con queste limitazioni senza senso !
G.R.
Tordo bottaccio 31 gennaio e colombaccio in pre-apertura.. M.S.

Vuoi restare aggiornato? Attiva le notifiche!

Scegli le categorie di contenuti che ti interessano e metti i bottoni che trovi qui sotto su ON.



Non visualizzi i bottoni? Leggi qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button