Eventi

Dal 23 al 25 aprile la 20ª edizione di Caccia Pesca e Natura

Dopo l’edizione del 2021 in digitale, la fiera Caccia Pesca e Natura di Longarone torna a riunire dal vivo gli appassionati di caccia e pesca, con programma ricco di eventi

Lo scorso giovedì 13 aprile è stata presentata ufficialmente l’edizione 2022 di Caccia Pesca e Natura, la storica fiera di Longarone, che quest’anno giunge al suo 20° anniversario. Un appuntamento che negli anni è riuscito a far appassionare sempre più cacciatori e pescatori, portando in fiera il giusto mix di prodotti, attrezzature e servizi, unendoli a convegni ed eventi sul vivere e studiare l’ambiente, con una particolare attenzione la montagna.

Pubblicità
 

Caccia Pesca e Natura, a Longarone dal 23 al 25 aprile

Quest’anno Caccia Pesca e Natura è in programma dal prossimo sabato 23 fino a lunedì 25 aprile. La location è quella classica, il quartiere fieristico di Longarone con i suoi 13 mila metri quadrati di esposizione, che aprirà dalle 9 alle 19 per tutti i tre giorni di fiera.

“È un’edizione molto importante – ha dichiarato il Presidente di Longarone Fiere Dolomiti, Gian Angelo Bellati – perché, nonostante la pandemia, nonostante tutte le emergenze, abbiamo 97 marchi aziendali in rappresentanza di 10 regioni italiane e 9 paesi esteri“. Sarà quindi ben nutrita e qualificata la rappresentanza delle più rinomate aziende produttrici di fucili, armi, ottiche e abbigliamento tecnico da caccia, e sarà facile trovare l’occasione giusta negli spazi della mostra mercato. 

Ma come sempre a Longarone non ci sarà solo questo: “Per i visitatori – continua il Presidente Bellati – anche tantissimi eventi, tantissime gare per gli appassionati. E, lo dice la parola, Natura. Riguarda anche il tema dell’ambiente, prioritario a Longarone Fiere Dolomiti. In perfetta sintonia con i programmi europei del Green Deal e la biodiversità. Questi eventi mettono insieme un mondo enorme fatto di associazioni, del sistema produttivo, degli Enti che hanno competenza in questo ambito. E l’obbiettivo finale è quello di far star bene le persone. Di avere un benessere che passa anche per i temi di rispetto dell’ambiente che stanno diventando per noi sempre più importanti”.

Un ricco programma di convegni

Caccia Pesca e Natura, infatti, si è sempre contraddistinta per il ricco programma di convegni istituzionali, realizzati soprattutto grazie alla partecipazione attiva e alla stretta collaborazione tra la Regione Veneto e la provincia di Belluno. E quest’anno non sarà da meno.

Citiamo, ad esempio, tre incontri di sicuro interesse per il mondo venatorio che si terranno sabato: alle ore 9.30, si parlerà de “Il futuro della caccia in provincia di Belluno dopo l’approvazione del piano faunistico venatorio regionale”, a seguire alla 14.30 si terrà il convegno dal titolo “Trent’anni di gestione venatoria degli ungulati in Veneto”, per terminare alle ore 17.30 con un incontro dal carattere scientifico su un tema molto sentito, “Il progetto di gestione proattiva del Lupo in Veneto mediante telemetria satellitare: risultati e prospettive”.

A questi si aggiungono diversi incontri dedicati al settore pesca, come ha ricordato Claudio Canova, della Federazione dei Bacini di Pesca delle Dolomiti Bellunesi: “Ci saranno convegni importanti. Con la Regione del Veneto sulla nuova carta ittica, ma anche con la Provincia di Sondrio per vedere il loro modello di gestione autonoma della pesca in vista anche del rinnovo delle concessioni. Da un lato cercheremo di portare le problematiche, come i lavori in alveo post Vaia e il problema dei predatori, esempio dei Cormorani. Ma porteremo anche la nostra forza del volontariato, la nostra organizzazione e il fatto di aver attivato tante attività in ambito formativo presso i pescatori e nelle scuole”.

Ad arricchire ulteriormente il programma ci saranno le presentazioni di alcuni progetti ambientali, tra cui vi segnaliamo il “Progetto Mugheta”, messo in atto nella Riserva Alpina di Caccia di Tambre grazie al contributo dei cacciatori locali. Un progetto che mira ad aiutare le popolazioni di Gallo Forcello attraverso opere di miglioramento ambientale.  

Festa del Cacciatore e Concorso di Tassidermia

Ad animare i tre giorni di fiera ci saranno anche diversi eventi collaterali: si va dalle prove di tiro con carabina ad aria compressa curate dall’ASD Cacciatori Bellunesi della Val Piave, alle molte gare di pesca curate dal Bacino di Pesca n. 6 Maè – Piave, fino ad arrivare ai due eventi più attesi, il Concorso nazionale di Tassidermia e la Festa del Cacciatore.

Per il Concorso nazionale di tassidermia sarà la 18° edizione. Un vero e proprio evento nell’evento, organizzato dall’Associazione Tassidermisti Italiani, a cui potranno partecipare tutti i preparatori italiani e che porterà in fiera soggetti straordinari, alcuni dei quali hanno partecipato anche al concorso europeo di Budapest dello scorso anno. Oltre all’esposizione ci sarà spazio anche per l’insegnamento e l’aggiornamento sulle varie tecniche di preparazione, con un incontro tenuto da Paolo Zanandrea, specialista nella preparazione di uccelli.

Ma la vera anima della manifestazione resta la Festa del Cacciatore, che quest’anno giunge alla 25ª edizione. “Un momento conviviale per tutte le famiglie, non solo dei cacciatori” Così la presenta Raffaele Riposi, coordinatore della festa e delegato dai Distretti venatori bellunesi, che continua “una festa importante, perché quest’anno non è solo una festa dove si può mangiare, bere e gustare. È anche un momento di convegni scientifici, dove i cacciatori insieme agli altri abitanti del territorio, possono confrontarsi”. Un momento enfatizzato anche da Franco De Bon, Consigliere provinciale con delega a caccia e pesca, “la prossima 25ª Festa del Cacciatore sarà connotata dalle parole ricerca e innovazione. Ricerca promossa attraverso una borsa di studio, attraverso studi sull’ambiente faunistico, attraverso la presentazione della nostra rivista provinciale Frammenti. Perché solo attraverso queste conoscenze la Pubblica amministrazione può adottare i provvedimenti migliori e gestire al meglio il grande patrimonio faunistico che caratterizza la provincia di Belluno”.

Informazioni utili per visitare Caccia Pesca e Natura

Caccia Pesca e Natura si svolgerà da sabato 23 a lunedì 25 aprile, con orario 9-19, presso il quartiere fieristico di Longarone. Il biglietto d’ingresso intero costa 10 euro, il ridotto 6 euro, i bambini fino ai 12 anni entrano gratis.

Qui trovate il programma completo.
Gli eventi principali saranno trasmessi anche in diretta streaming su https://forum.caccia-pesca-natura.it.
Per tutte le altre info visitare il sito della manifestazione www.longaronefiere.it/caccia-pesca-e-natura

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button