Veneto, ACV-Confavi chiede alla Regione di finanziare progetti d’informazione e sensibilizzazione venatoria

L’Associazione Cacciatori Veneti – Confavi ha chiesto alla Regione Veneto la regolamentazione della mobilità venatoria per la caccia alla selvaggina migratoria e adeguate risorse per finanziare la realizzazione di progetti d’informazione e sensibilizzazione dei Cacciatori del Veneto.


Progetti d’informazioni e sensibilizzazione

A renderlo noto è il Presidente di ACV-Confavi, Maria Cristina Caretta, con un comunicato stampa i cui sottolinea: “abbiamo trasmesso in data odierna una lettera al Presidente della Regione Veneto, al Presidente del Consiglio regionale, al Presidente della terza Commissione consiliare, a tutti gli Assessori e i Consiglieri regionali una lettera di richiesta affinché siano riservate adeguate risorse al fine di poter predisporre e realizzare progetti di informazione e sensibilizzazione dei Cacciatori del Veneto per favorire adeguate conoscenze sulla corretta gestione del patrimonio faunistico e degli habitat naturali ma soprattutto per sensibilizzare i Cacciatori del Veneto sulla necessità di contrastare efficacemente il deprecabile fenomeno del bracconaggio che, oltre ad arrecare un danno incalcolabile al patrimonio faunistico finisce per danneggiare l’immagine del Cacciatore che, troppe volte, in maniera strumentale, viene confuso con il bracconiere”.

La Presidente Caretta ci ha tenuto a ricordare che “i Cacciatori del Veneto, per poter esercitare l’attività venatoria, oltre a pagare annualmente una polizza assicurativa obbligatoria, sono tenuti a pagare annualmente una tassa di concessione governativa di euro 173,16 alla quale si aggiunge una tassa di concessione regionale di 84 euro. Riteniamo – ha aggiunto la Presidente Caretta – che una parte delle risorse introitate dalla Regione del Veneto, attraverso le tasse di concessione regionale pagate annualmente dai Cacciatori, possa essere utilizzata per finanziare la realizzazione dei sopracitati progetti”.

Mobilità venatoria

Il Presidente dell’Associazione Cacciatori Veneti – Confavi ha inoltre chiesto che “visto il ritardo con il quale sarà approvato il nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale del Veneto, sia approvata la norma che possa regolamentare la mobilità venatoria in Veneto per la caccia alla selvaggina migratoria, opportunità già garantita ai cacciatori in molte altre regioni italiane”.

Scritto da IoCaccio.it

IoCaccio.it

IoCaccio.it è composto da un team giovane e dinamico, legato da una profonda passione per la caccia e, più in generale, per la natura. Se anche tu sei giovane, e condividi la nostra stessa passione contattaci, per entrare nel Team!

Ti Potrebbe Interessare Anche

Accordo FederFauna SVI

Da FederFauna un’iniziativa per fermare le violenze animaliste

FederFauna, la Confederazione Sindacale degli Allevatori, Commercianti e Detentori di Animali, che tutela gli interessi di …