ANUUDalle Associazioni

Unità Venatoria, Castellani risponde a Sorrentino: “prenda una posizione definitiva”

Marco Castellani (Presidente nazionale ANUUmigratoristi) ha risposto alla lettera inviata nei giorni scorsi da Sergio Sorrentino (Presidente Arci Caccia) a tutti gli altri Presidenti nazionali delle Associazioni Venatorie riconosciute in cui sottolineava l’importanza d’intraprendere un nuovo percorso unitario e proponeva la convocazione periodica di un Tavolo paritetico come sede di confronto.

Pubblicità
 

Nella secca risposta Castellani ha invitato Sorrentino a prendere una decisione definitiva (dopo aver abbandonato la FENAVERI) e ribadito come ANUU sostenga da tempo “la necessità che il mondo venatorio italiano si unisca in una unica e forte Associazione adeguatamente strutturata con le professionalità necessarie per affrontare e vincere le sfide che ci pongono i tempi che viviamo”.

Di seguito il testo integrale delle risposta di Castellani.

Logo AnuuEgregio Presidente Sorrentino,

sono sinceramente sfinito dal tentativo di leggerti in continuazione, sempre e solo in proposito alle questioni dei vostri problemi interni e di quelli che avete originato in Toscana nei rapporti con le altre Associazioni riunite nella CCT.
Ti ho già risposto una volta in modo riservato, ma ora mi trovo costretto a rivolgermi per conoscenza anche alle altre Associazioni e agli stessi siti da te interessati.

Non riesco a capacitarmi del fatto che una volta sei a sostenere addirittura la disponibilità a creare un’unica Associazione dei cacciatori italiani e un’altra volta sei pronto ad andartene dal coordinamento unitario e poi, ancora, addirittura ci inviti a prendere atto e a farci un ragione del fatto che la tua e altre Associazioni non sono disponibili a “fondersi”.

Ti prego di prendere una posizione definitiva e a mantenerla con coerenza.
Io ribadisco la mia: come dovrebbe ormai essere ben noto sin dal 2010, anno della mia elezione a Presidente, ho dichiarato la mia convinzione – che del resto è quella della mia Associazione, come ratificato dai deliberati assembleari – circa la necessità che il mondo venatorio italiano si unisca in una unica e forte Associazione adeguatamente strutturata con le professionalità necessarie per affrontare e vincere le sfide che ci pongono i tempi che viviamo, soprattutto nei campi della ricerca Scientifica, della comunicazione, dell’informazione e formazione, dei rapporti con la scuola e i giovani, dei rapporti con la politica e le Istituzioni, per diventare autorevoli e credibili come lo sono le altre Associazioni in Europa.

Purtroppo pare che i tempi non siano ancora maturi per questo cambiamento e c’è ancora chi sgomita per portare qualche tessera in più nella Sua piccola o grande Associazione.
Spero sinceramente di sbagliarmi, ma se il cambiamento organizzativo da me auspicato tarderà ancora ad arrivare e si procederà ognuno fiero della propria bandiera e autonomia, ci ritroveremo fieri con le nostre bandiere a celebrare il funerale della caccia in Italia. E ognuno si assumerà le proprie responsabilità.

Quindi, caro Sorrentino, altro che deboli coordinamenti o federazioni di Associazioni coordinate: belle cose che però non bastano a soddisfare le vere esigenze della caccia in Italia.

E basta anche con i “Tavoli”: per carità, non se ne può più!!! Ma, soprattutto, ti invito a non permetterti mai più di avanzare considerazioni fuorvianti sulle idee e sull’operato della mia Associazione: non c’è mai stato nessun tentativo di “assorbimento” o “confluenza”, bensì c’è stata – e lo ringrazio ancora per questo – la disponibilità del Presidente di FIdC Gian Luca Dall’Olio, pur essendo la più grande e rappresentativa Associazione, a mettere in discussione la propria organizzazione per condividere l’idea di una “casa comune” dei cacciatori italiani aperta a tutte le Associazioni interessate a farne parte.

Comunque continuiamo pure così, con “Enalcaccia, ARCI Caccia, Italcaccia, EPS, Libera Caccia convintamente non disponibili a fondersi” in un’unica e moderna Associazione e vedremo quanta poca strada ci rimarrà ancora da fare, purtroppo.
Io non mi preoccupo per l’autonomia e la sopravvivenza associativa, ma mi preoccupo solo per la sopravvivenza della caccia che è la mia grande passione.

Io considero le Associazioni solo come uno strumento e non il fine per cui battersi. E quando gli strumenti diventano inutili bisogna avere il coraggio di cambiarli.

Cordiali saluti.

Il Presidente Marco Castellani

Vuoi restare aggiornato? Attiva le notifiche!

Scegli le categorie di contenuti che ti interessano e metti i bottoni che trovi qui sotto su ON.



Non visualizzi i bottoni? Leggi qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button